Tratto dallo speciale:

Bed and Breakfast vietati in condominio: quando è possibile la deroga

di Redazione PMI.it

scritto il

Cassazione: il regolamento del condominio può vietare l'apertura di un Bed and Breakfast ma dipende dalle finalità: sentenze e motivazioni a confronto.

I Bed & Breakfast non possono essere aperti in un condominio senza l’autorizzazione dell’assemblea condominiale: una nuova sentenza conferma l’orientamento della giurisprudenza, espresso già dalla Seconda sezione civile della Corte di Cassazione con la sentenza n. 109/2016. Il pronunciamento è la sentenza n. 21562 (Corte di Cassazione, sez. II) del 7 ottobre 2020, che conferma la legittimità del Regolamento condominiale nel quale risulti il divieto di esercitare nello stabile attività commerciali, anche del tipo affitta-camere o bed and breakfast.

Qualora il regolamento condominiale contenga la disposizione che vieti le attività commerciali è illegittimo svolgere l’attività di affittacamere compresa quella identificabile in un bed and breakfast in tutto e per tutto assimilabili alle attività imprenditoriali alberghiere a nulla rilevando le ridotte dimensioni, in quanto non diversamente dall’albergo si configurano come un’attività connotata da una impresa e dal contatto diretto con il pubblico.

=> Bed & Breakfast con tassa ad hoc

Come interpretare il Regolamento

In sostanza, il condominio può imporre una regola (magari a  tutela del decoro e della tranquillità dell’edificio) che vieti l’apertura di un’attività di B&B. In realtà, molto dipende dalla fattispecie e dalle motivazioni espresse nel disposto condominiale. Anche questo è il motivo per cui negli anni si sono alternate sentenze della Corte di Cassazione contrastanti, in alcuni casi dando ragione al condominio, nonostante in precedenza altri avessero destinato gli appartamenti ad attività commerciali (ritenendo irrilevante la condotta tenuta in passato da altri condomini poiché non influente sull’interpretazione del regolamento condominiale).

In passato, la Corte aveva per esempio concesso, con la sentenza n. 24707/2014, il via libera alla possibilità per i condomini di ospitare a pagamento soggetti terzi, stabilendo che l’attività di affittacamere o B&B non comportasse un mutamento di destinazione d’uso delle unità immobiliari, che quindi rimaneva di tipo abitativo. Nel caso più recente, invece, i giudici hanno ritenuto tale attività contrapposta alle finalità abitative dell’immobile.

=> Bed and Breakfast: legge regionale e regolamento condominio

Nel caso di specie, i giudici di secondo grado avevano evidenziato la regolarità amministrativa dell’attività, esercitata a scopo di lucro ed in contrasto con la disposizione del regolamento condominiale. Nel ricorso in Cassazione, il ricorrente sosteneva però la tesi che il divieto dovesse ritenersi circoscritto ai servizi richiamati dal Regolamento condominiale e che l’attività di B&B rientra tra quelle proprie di un’immobile a destinazione abitativa. In realtà, la disposizione del Condominio in questione vietava la destinazione e/o l’uso dell’unità immobiliare a esercizio o ufficio industriale o commerciale. Tutti divieti posti sullo stesso piano letterale. Quindi, tutto dipende da come è scritto il Regolamento e da come si può prestare a interpretazioni anche differenti.