Flessibilità e lavoro: il punto al Forum HR

di Teresa Barone

Pubblicato 27 Novembre 2014
Aggiornato 30 Gennaio 2023 11:17

Gli italiani iniziano ad apprezzare la flessibilità sul lavoro ma credono poco nella meritocrazia alla base delle assunzioni: se ne parla al Forum HR.

Cosa pensano gli italiani in merito ai cambiamenti relativi al mondo del lavoro? Come vedono il futuro caratterizzato da una crescente flessibilità?

In occasione del Forum delle Risorse Umane, in programma oggi a Milano, saranno resi noti gli esiti dell’indagine annuale promossa dall’Istituto Piepoli, sondaggio effettuato sull’opinione pubblica lo scorso 17 novembre.

Se nel 2013 la percentuale di italiani favorevole alla flessibilità professionale corrispondeva al 27%, nel 2014 si sale fino al 45% – come anticipa Corriere.it.

A calare, invece, è il numero di coloro che credono fermamente nell’importanza della reputation di un’azienda, fondamentale anche nell’acquisto di un prodotto o nella scelta di un servizio.

Allo stesso tempo, tre italiani su dieci sono convinti che le aziende selezionino le risorse umane non basandosi sul merito (la percentuale è pressoché invariata rispetto allo scorso anno).