Tutti i volti del Social Recruiting

di Redazione PMI.it

scritto il

Recruiters a caccia di talenti pronti a sfruttare le risorse social: ecco obiettivi, trend, strategie emerse dal Work Trends Study 2015 di Adecco.

Le risorse social rappresentano una fonte sempre più importante per trovare lavoro e candidati da assumere: se l’80% delle ricerche di impiego viene effettuato abitualmente online dai candidati, il 64% delle attività di selezione viene svolto online dai recruiters.

=> Lavoro agile, questo sconosciuto

Sono dati che si evincono dal  Work Trends Study 2015 pubblicato e promosso da Adecco. Dal punto di vista dei responsabili delle risorse umane, i social network (LinkedIn in particolare) vengono sfruttati con precise finalità: cercare candidati “passivi”, che non sono attualmente attivi nella ricerca di lavoro ma che potrebbero rappresentare le risorse ideali per una data posizione (ha risposto così il 78,3% degli intervistati), verificare i Curriculum Vitae (75,5%), inserire annunci di lavoro (68,5%). In misura minore, i recruiters si rivolgono al mondo social per verificare la web reputation dei candidati e scoprire alcuni tratti della loro personalità.

Stando alle percentuali dell’indagine, il 35% dei recruiters ha escluso un candidato dal processo di recruiting dopo aver visualizzato i suoi pro­fili social: nel 20% dei casi questa decisione è stata motivata dalla presenza di foto sconvenienti, per il 18,2% dal reperimento di informazioni non coerenti con il CV.

=> Lavoro: ricerca e selezione sempre più social

E ancora, il 16% dei candidati è stato scartato perché ha “mostrato” caratteristiche personali poco apprezzate, l’11% perché ha condiviso commenti negativi sul datore di lavoro (attuale o precedente) e l’8,4% per aver postato contenuti discriminatori.

 

I Video di PMI

Legge 104: agevolazioni per disabili e familiari