Formazione e lavoro, problemi di separazione

di Francesca Vinciarelli

scritto il

Trovare un lavoro differente dalla propria formazione, ecco cosa accade.

Il percorso di studi è fondamentale sia per la propria crescita personale che professionale, spesso ci si sente confusi e non si riesce a capire quale strada intraprendere.

Lavoro e laurea

Sopratutto in giovane età le passioni e gli obiettivi sono tanti e non sempre si capisce da subito cosa si farà nel futuro, per molti la certezza è soltanto una, nonché intraprende un percorso di formazione per ottenere un titolo utile per il lavoro. I giovani che oggi intraprendono l’Università sono fortunatamente alti, il problema è ciò che arriva dopo l’Università e su cosa ne pensano realmente i giovani oggi. Infatti secondo alcuni sondaggi solo il 37% dei giovani è convinto che la laurea serva, il 14%, addirittura pensa che non serve a nulla. In passato la realtà era totalmente differente chi possedeva una laurea aveva un posto assicurato nel mondo del lavoro, oggi non è più così e sopratutto non sempre si ha un lavoro inerente al percorso di studi fatto. Le aziende ad oggi pongono l’attenzione su aspetti differenti e la laurea non è più la chiave magica che apre le porte del mondo del lavoro. Le aziende cercano persone che siano sveglie, dinamiche, flessibili e in grado di non scoraggiarsi davanti alle sfide che incontreranno, disponibilità agli spostamenti, esperienze all’estero e conoscenza della lingua inglese sono questi gli aspetti più ricercati. Infine leggendo un qualsiasi annuncio di lavoro si capisce che l’esperienza è il fattore più importante, l’esperienza è l’elemento che conta molto di più del titolo di studio o della votazione. Secondo le aziende significa prendere nel proprio team una persona qualificata, pronta per ogni sfida e ovviamente preparata dagli anni di esperienza. Infine bisogna precisare che la laurea è comunque importante e spesso lavorare in ambiti differenti al percorso di studi è una scelta puramente voluta e personale.

I Video di PMI

Google Analytics: attenzione alla Frequenza di Rimbalzo!