La liquidazione

di Francesca Vinciarelli

scritto il

La liquidazione ecco quali sono gli aspetti generali.

La liquidazione volontaria dell’imprese avviena tramite l’imprenditore che valuta questa scelta su dei calcoli di convenienza, scegliendo poi se proseguire o terminare la propria attività. L’impresa quando si trova nella fase di liquidazione procede alla vendita di attività e al pagamento di tutti i debiti.

=> Ex manager d’oro 

Nell’art.2484 c.c. viene stabilito che le società per azioni, in accomandita per azioni e a responsabilità limitata si sciolgono per le seguenti cause:

  • decorso del termine;
  • conseguimento dell’oggetto sociale o sopravvenuta impossibilità di conseguirlo, salvo che l’assemblea, appositamente convocata senza indugio;
  • non deliberi le opportune modifiche statutarie;
  • impossibilità di funzionamento o continuata inattività dell’assemblea;
  • riduzione del capitale al di sotto del minimo legale se non si è provveduto alla sua reintegrazione;
  • nelle ipotesi previste dagli artt. 2437 quater e 2473 c.c.;
  • deliberazione dell’assemblea;
  • altre cause previste dall’atto costitutivo.

Successivamente l’organo amministrativo deve verificare le cause dello scioglimento. Vengono poi nominati i liquidatori dall’assemblea dei soci. Quando la liquidazione è compiuta, i liquidatori insieme alla relazione dei sindaci e del soggetto incaricato della revisione contabile, devono stilare il bilancio finale di liquidazione e infine deve essere depositato presso il Registro delle Imprese.