Perdere tempo

di Francesca Vinciarelli

scritto il

Distarsi in continuazione e perdere tempo, ecco i colpevoli nel mondo del lavoro.

Le distrazioni sul lavoro, sono uno degli elementi che porta al rallentamento del lavoro e alla prolungazioni del termine di un progetto, la maggior colpa ricade tutta sul web.

=> Concentrazione, dove sei?

Il web non è l’unica scelta dei lavoratori, si trovano anche le mail, i social network, le telefonato, le pause continue e tutti quei comportamenti che portano a distogliere la concentrazione dal lavoro. Ma naturalmente tutte queste distrazioni non sono affatto positive, in quanto nel peggiore dei casi ci vuole una mezz’ora per ritrovare la concentrazione su quello che si stava facendo. Distrarsi in continuazione oltre a non fare bene al proprio stato psico-fisico danneggia anche il proprio lavoro, i progetti necessitano di concentrazione e attenzione, elementi spesso carenti per chi tende a preferire social e chiamate.

=> Iperattivi e impulsivi: migliorare la concentrazione

La scusa più comune per difendersi dal senso di colpa è quella di prendersela con la tecnologia, troppe chat, troppi social e troppe distrazioni difficili da evitare, tutto questo non è assolutamente vero. Le distrazioni sono sempre esistite, ovviamente in modo differente, ma comunque c’erano, la differenza sta nella passione e nella motivazione verso il proprio lavoro, se si vuole lavorare si lavora, se ci si vuole distrarre ci si distrae. Le distrazioni sono cambiate con gli anni, ma comunque sono sempre esistite, giornali cartacei invece dei giornali virtuali, chiamate invece delle chat e così via verso tutte le sostituzioni. Come si può intuire oggi è tutto più virtuale, ma bisogna specificare che anche le eccessive pause caffè o le pause sigaretta non sono da meno. 

=> Problemi di concentrazione? Ecco delle soluzioni

Il problema non è presente quindi solo davanti al pc o sul proprio smartphone, per le aziende che limitano l’accesso sui computer aziendali, ma è presente anche più in la della scrivania, sta al lavoratore cercare di non cadere in tentazione. Le pause ovviamente sono necessarie, ma farle eccessivamente porta l’effetto contrario, in quanto aumentano stress e sopratutto stanchezza.