Il crollo dei consumi si combatte con Internet e offerte speciali

di Tullio Matteo Fanti

scritto il

La media e piccola distribuzione scelgono sempre più Internet e le offerte speciali per combattere il crollo dei consumi; parallelamente, cresce il numero dei negozi online, con un +24% di negozi sbarcati su Internet rispetto al 2011.

=> Leggi consigli e strategie e-commerce

Se la grande distribuzione può contare sul ritorno garantito da 12 miliardi di dépliant pubblicati ogni anno, gli esercenti più piccoli hanno così trovato nel web una nuova possibilità  di raggiungere i consumatori, in grado di abbattere i costi costi e raggiungere al contempo un pubblico più ampio

Secondo Andrea Di Cienzo, direttore marketing e commerciale di TamTamOfferte.com, sono ben 9.000 oggi i punti vendita che pubblicano annunci attraverso il suo portale dedicato ai prodotti in promozione.

=> Scopri perché nell’e-commerce l’assistenza in tempo reale fa la differenza

La piccola e media distribuzione cavalca quindi l’onda dell’info-commerce, ovvero la pratica di programmare la spesa confrontando online prezzi e prodotti, utilizzata ormai dal 94% degli utenti del web. Nel 2010, il valore delle merci ricercate online attraverso questa tipologia di portali e poi acquistate nel mondo reale ha raggiunto 17 miliardi di euro; una spesa di 600 euro per utente.

Non si tratta soltanto di un vantaggio numerico: secondo Di Cienzo, i portali specializzati in gestione e organizzazione degli sconti sono in grado di interpretare e prevedere l'andamento della domanda, con indubbi benefici per il commerciante al momento di incanalare l'offerta; senza contare la loro capacità  di incanalare le informazioni e indirizzarle verso le persone realmente interessate.

«E' una formula di successo perché oltre al risparmio ecologico e di carta, porta ad una spesa più oculata per l'acquirente e fornisce alla distribuzione un'analisi statistica sui prodotti potenzialmente acquistabili in una determinata città . Infine, nell'ultimo mese, oltre 200mila utenti hanno stampato la lista della spesa compilata sul portale: un ulteriore strumento in mano ai commercianti per verificare, con un margine di errore minimo, l'efficacia del servizio».

I Video di PMI