Web privacy a rischio? Il parere dell’Autorità

di Alessandro Vinciarelli

scritto il

L'Autorità Garante per la protezione dei dati personali si esprime sul tema del furto e dello marrimento dei dati personali, anche in azienda

Negli ultimi tempi sono stati diversi i casi di furto o smarrimento dei dati personali. Soprattutto in America ma anche in Europa, grandi, piccole e medie imprese hanno consegnato, direttamente o indirettamente, informazioni riservate di centinaia di migliaia di persone.

Queste informazioni impunemente “sottratte” nonostante il ricorso a software di protezione, si riferiscono ad ogni ambito della vita personale degli utenti, compresi i dipendenti d’impresa.

Si parte dai meno sensibili dati anagrafici, passando per la connotazione economica dei dati bancari e patrimoniali, fino ad arrivare ad informazioni assolutamente private, senza contare la possibilità che trapelino per via indiretta anche dati e informazioni che riguardano le attività lavorative e l’azienda stessa.

Sul tema sicurezza dei dati digitali si è espresso in questi giorni il Garante Privacy italiano, nella persona del presidente dell’Authority, Francesco Pizzetti, nell’ambito della presentazione della Giornata europea del consumatore.

Le sue parole hanno rimarcato la necessità che l’Unione Europea assuma un ruolo più incisivo a livello internazionale. In altre parole, la proposizione è quella di definire regolamentazioni che non si limito solamente al singolo Paese (ad esempio, il nostro Codice della Privacy) o all’Europa ma che abbiano connotazione internazionale.

Solo in questo modo, infatti, le imprese impareranno a saper gestire le informazioni in sicurezza e ad evitare – quantomeno a ridurre – spiacevoli inconvenienti come quelli verificatisi recentemente.

In questo contesto, l’annuale Giornata europea del consumatore, prevista per domani 15 marzo e organizzata dal Centro Europeo Consumatori e dall’Adiconsum, avrà l’obiettivo di sensibilizzare i presenti sui pericoli connessi alla Rete e, in generale, al mondo dell’informatica.

I Video di PMI

ISEE, i modelli caso per caso