Licenziamento disciplinare, limiti e annullamento

di Francesca Pietroforte

scritto il

Il licenziamento disciplinare è legittimo solo in assenza di carenza motivazionali e con ricostruzione organica e degli episodi contestati: sentenza di Cassazione.

Nell’ambito del licenziamento disciplinare è necessario affrontare la questione giudiziaria in maniera corretta dal punto di vista giuridico, pena l’annullamento della sentenza per vizio di motivazione: la Corte di Cassazione si è espressa in merito con la sentenza n. 2328 del 5 febbraio 2016.

=> Licenziamento disciplinare solo se previsto da CCNL

Licenziamento disciplinare

Il pronunciamento trae origine dall’impugnazione del licenziamento  disciplinare di un operaio addetto al monitoraggio di un macchinario, sorpreso in più occasioni a dormire sul posto di lavoro, anche in virtù delle dichiarazioni rese da alcuni testimoni (che riportava anche la reazione offensiva del lavoratore al rimprovero verbale del direttore). Il lavoratore contestava, forte di ulteriori testimonianze, negava e motivava: in sintesi la ricostruzione degli episodi fatta in sentenza non corrispondeva al reale andamento dei fatti.

=> Licenziamento disciplinare: tempestiva contestazione

Motivazioni insufficienti

La Cassazione ha dunque accolto il ricorso per mancanza di una ricostruzione organica e puntuale degli episodi contestati. Nella prima sentenza, infatti, non vengono considerati nè gli altri testi la cui versione (non è stata menzionata) né esaminata la tesi dell’operaio. Questa carenza motivazionale e ricostruttiva è stata peraltro replicata con riguardo alla gravità del fatto in relazione al quale i giudici di prime cure hanno richiamato la disposizione dell’art. 55 CCNL che si riferisce però all’“abbandono del posto di lavoro”, circostanza che non sembra essersi verificata.