Tratto dallo speciale:

e-Fattura carburanti dal 2019: ufficiale

di Redazione PMI.it

scritto il

Decreto legge del Governo rinvia l'obbligo di fatturazione elettronica nelle cessioni di carburante al primo gennaio 2019

Come previsto e annunciato, nella sera del 26 giugno il Consiglio dei Ministri si è riunito per approvare un decreto legge che consenta la proroga delle attualità modalità di fatturazione degli acquisti di benzina e rifornimenti fino a fine anno.

Cosa cambia dal 2019

Il provvedimento, che introduce disposizioni urgenti relativamente agli obblighi di fatturazione elettronica per le cessioni di carburante, rinvia dunque al prossimo gennaio l’entrata in vigore dei nuovi adempimenti previsti dalla legge di bilancio 2018 (legge 27 dicembre 2017, n. 205),

In particolare, slitta al nuovo anno l’obbligo di emettere fattura elettronica per la vendita di carburante a soggetti titolari di partita IVA presso gli impianti stradali di distribuzione.

Cosa cambia da luglio 2018

La scheda carburante resta ancora utilizzabile fino al 31 dicembre 2018. Tuttavia, ai fini della detrazione IVA e della deduzione di spesa, sarà necessario utilizzare mezzi di pagamento tracciabili (carte e bonifici).

In questo modo, ci si uniforma alle disposizioni già previste dalla normativa generale sulla fatturazione elettronica tra privati e si lascia che le nuove regole scattino il primo luglio 2018 soltanto nei subappalti verso la PA, sulla scia di una modalità operativa (quella verso la Pubblica Amministrazione) già in vigore da alcuni anni.