Tariffe sms: interverrà la Commissione Europea?

di Roberta Donofrio

scritto il

La Commissione europea ha lanciato una consultazione pubblica della durata di due mesi sulla regolamentazione dei prezzi di invio SMS dai telefoni cellulari

I prezzi dei servizi roaming di sms potrebbero diventare un affare comunitario. La Commissione europea starebbe infatti valutando la possibilità di intervenire nel fissare dei limiti alle tariffe di invio messaggi dai telefoni cellulari.

Produttori di telefonini, operatori di rete e gruppi di consumatori sono stati invitati a esprimere la propria opinione in una consultazione pubblica sull’efficacia della regolamentazione sulle tariffe roaming per le chiamate voce effettuate durante lo scorso anno. E per ottenere un quadro completo dell’impatto della legge dell’Unione europea, la Commissione ha interpellato anche gli stakeholders sulla necessità di modificare la regolamentazione in virtù degli attuali prezzi dei servizi di roaming su dati e SMS.

Un rapporto pubblicato a gennaio dal Gruppo Europeo di Regolatori ha mostrato che in media nel terzo trimestre del 2007 gli utenti hanno pagato 5.24 euro per un megabyte di dati e 0.29 euro per un SMS spedito. Tariffe decisamente troppo elevate che hanno spinto la Commissione europea ad intervenire come in passato ha già fatto per le chiamate vocali.

L’esistente legge sul roaming impone agli operatori di offrire ai clienti un’ Eurotariffa per le chiamate voce effettuate in altro stato membro dell’U.E.. I tetti massimi previsti dalla normativa in vigore sono di 0.49 euro al minuto per le chiamate effettuate e 0.24 per quelle ricevute ed entro la fine di agosto i prezzi sono destinati a diminuire ancora .

Fissata al 30 giugno 2010 la scadenza della regolamentazione sul roaming sul traffico voce ma fino ad allora il Parlamento europeo ed il Consiglio potrebbero decidere, sulla base di una proposta dalla Commissione europea, di estenderla anche agli altri dati.