UNICO 2014: ultimo giorno per gli Studi di Settore

di Barbara Weisz

scritto il

Scadenza della proroga per i versamenti derivanti dalle dichiarazioni fiscali 2014, riservata ai contribuenti sottoposti a Studi di Settore: entro il 20 agosto si può pagare con maggiorazione ridotta.

Stop alla proroga di UNICO 2014 per i contribuenti interessati dagli Studi di Settore (piccole imprese, professionisti, artigiani, autonomi), la cui scadenza era slittata dal 16 giugno. Dopo i giorni in più concessi per effettuare i versamenti derivanti dalla dichiarazione dei redditi, dalla dichiarazione IRAP e dalla dichiarazione unificata annuale dei contribuenti che esercitano attività economiche per le quali sono previsti gli Studi, l’unica possibilità per il pagamento delle imposte è quella di effettuare il versamento fino al 20 agosto, termine entro il quale sarà possibile pagare con maggiorazione ridotta dello 0,4%. In pratica, i termini della proroga sono gli stessi dello scorso anno.

=> Vai allo Speciale su UNICO 2014

Scadenza a doppio binario

E’ bene sottolineare che la proroga era valida solo per i versamenti dei contribuenti soggetti a Studi di Settore o che, pur facendo parte di categorie per cui sono stati elaborati gli Studi, presentano causa di esclusione o inapplicabilità (es.: non normale svolgimento di attività; primo anno di attività…) o, ancora,  che rientrano nel regime fiscale di vantaggio per l’imprenditoria giovanile e per i lavoratori in mobilità (nuovo Regime dei Minimi). Hanno goduto della proroga anche i contribuenti che partecipano a società, associazioni e imprese soggette agli Studi.

Per tutti gli altri contribuenti che presentano il modello unificato la scadenza restava il 16 giugno: in questo caso, il termine entro cui si può pagare con la maggiorazione ridotta allo 0,4% va fino al 16 luglio. Per quanto riguarda la presentazione, infine, scaduto il termine del 30 giugno per quella in formato cartaceo, resta solo quella del 30 settembre per la presentazione in formato elettronico.

I Video di PMI

Regime forfettario: guida ai requisiti