Tratto dallo speciale:

Regime dei Minimi: quali spese scaricare

di Barbara Weisz

scritto il

I contribuenti in Regime dei Minimi scaricano le spese per attività d'impresa ma non applicano le detrazioni fiscali dall'IRPEF: auto, moto, casa, vitto e alloggio, casistica completa.

La regola generale per i contribuenti in Regime dei Minimi alle prese con la dichiarazione dei redditi è: si possono scaricare le spese ma senza detrazioni 19% né deduzioni. Il regime fiscale prevede infatti un’aliquota agevolata sostitutiva dell’IRPEF ordinaria, che impedisce di godere delle comuni agevolazioni fiscali.

=> Regime dei minimi e determinazione del reddito

Minimi in Dichiarazione dei Redditi

I contribuenti in Regime dei Minimi compilano il Quadro LM del Modello Unico, che non prevede alcuna detrazione o deduzione. Inoltre, poiché i contribuenti minimi applicano necessariamente il principio di cassa (differenza tra entrate e uscite), possono scaricare soltanto voci di costo realmente sostenute (rileva la data del pagamento). Le spese da scaricare vanno indicate nel rigo LM5.

=> Come scaricare costi per auto e cellulare in Regime dei Minimi

Cosa scaricare

  • Spese per l’auto: possono connesse alle attività professionali si considerano beni ad uso promiscuo, deducibili al 50%, così come anche le spese di manutenzione auto e moto (bollo, assicurazione, riparazioni).
  • Telefonino: anche questo un bene ad uso promiscuo, deducibile al 50%, insieme alle spese di manutenzione e via dicendo (es.. costo dell’abbonamento).
  • Abbigliamento e cene: sono scaricabili solo se effettivamente sostenute nell’esercizio dell’attività. Si può scaricare il costo di una divisa da lavoro o di un abito di rappresentanza, il conto di un pasto con un cliente o dell’albergo per una trasferta professionale.
  • Omaggi: scaricabili integralmente.
  • Beni strumentali d’impresa: sono scaricabili solo se il pagamento è avvenuto nel corrispondente periodo d’imposta.
  • Abitazione: valgono le stesse regole relative ai beni ad uso promiscuo, da scaricare al 50%. Stesso discorso per manutenzione e bollette.
  • Detrazioni 19%: non si possono scaricare voci di spesa come quelle sanitarie e mediche. Se il contribuente, oltre al reddito professionale in regime dei minimi, ha redditi immobiliari (es.: immobili affittati), in relazione a questi può applicare le varie agevolazioni.
  • Contributi previdenziali: si scaricano integralmente dal reddito e si deducono anche gli eventuali contributi versati ai collaboratori dell’impresa familiare fiscalmente a carico. Si segnano nel rigo LM7 di Unico PF.
  • Crediti di imposta: sono previsti per il riacquisto della piima casa, per i redditi prodotti all’estero, per l’acquisto di fondi comuni di investimento, per abitazione principale o altri immobili colpiti dal sisma in Abruzzo, per il reintegro delle anticipazioni sui fondi pensione, per le imposte versate sui canoni di locazione percepiti.

I Video di PMI

Regime forfettario: guida ai requisiti