Tratto dallo speciale:

Ravvedimento operoso per accise e tributi doganali: cosa sapere

di Redazione PMI.it

scritto il

Guida al ravvedimento operoso per accise e tributi doganali: come si applica e come trovare i codici tributo da utilizzare nel modello F24.

L’istituto del ravvedimento operoso si applica anche alle accise e ai tributi doganali per effetto del D.L. n. 193/2016 che ha modificato l’articolo 13 del D.Lgs. n. 472/1997, integrando i commi 1-bis e 1-ter con l’estensione del ravvedimento operoso anche ai diritti doganali ed alle accise quali tributi di competenza dell’Agenzia delle dogane e dei monopoli.

Questo significa che anche per le violazioni e omissioni tributarie legate a questi adempimenti è applicabile il ravvedimento operoso, anche se sono iniziati accessi, ispezioni e verifiche o altre attività da parte dell’ufficio, purché non siano stati notificati avvisi di pagamento o atti di accertamento, beneficiando di sanzioni ridotte.

=> Mancato versamento accise in buona fede non punibile

In particolare, l’omesso o insufficiente pagamento dei tributi può essere regolarizzato eseguendo il pagamento dell’importo dovuto, degli interessi moratori (calcolati al tasso legale annuo dal giorno in cui il versamento avrebbe dovuto essere effettuato a quello in cui viene effettivamente eseguito) e della sanzione in misura ridotta.

Ravvedimento operoso per accise e tributi doganali

Per regolarizzare gli errori, le omissioni e i versamenti carenti legati alle acciese ai tributi doganali bisogna eseguire spontaneamente il pagamento:

  • dell’imposta dovuta;
  • degli interessi, calcolati al tasso legale annuo  pro-tempore vigente, dal giorno in cui il versamento avrebbe dovuto essere effettuato a quello in cua.i viene effettivamente eseguito;
  • della sanzione in ridotta.

=> Ravvedimento operoso con Excel: guida al calcolo

Il vantaggio previsto dall’istituto del ravvedimento operoso è tanto maggiore quanto più tempestiva è la regolarizzazione delle violazioni commesse, in base alla seguente tabella:

Momento del ravvedimento Sanzione edittale Riduzione da ravvedimento Sanzione ridotta da ravvedimento
entro i primi 14 giorni 15% 1/10 0,1% per ogni giorno di ritardo
dal 15° al 30° giorno 15% 1/10 1,5%
dal 31° al 90° giorno 15% 1/9 1,67%
dal 91° giorno al termine di presentazione della dichiarazione 30% 1/8 3,75%
entro il termine di presentazione della dichiarazione successiva 30% 1/7 4,29%
oltre il termine di presentazione della dichiarazione successiva 30% 1/6 5%

Ravvedimento accise e tributi doganali: i codici tributo

Il versamento spontaneo delle somme dovute a titolo di ravvedimento operoso deve essere effettuato con modello F/24 utilizzando i codici tributo disponibili ai seguenti link ufficiali:

I Video di PMI

Flat tax: come funziona