Tratto dallo speciale:

IVA & Co: scadenze fiscali di febbraio 2019

di Redazione PMI.it

scritto il

Febbraio 2019 denso di scadenze fiscali, comprese fatture elettroniche, IVA, rinvio ad aprile per Spesometro e nuovo Esterometro: il calendario.

Nel calendario delle scadenze fiscali di febbraio 2019, la liquidazione IVA di febbraio è la prima dopo l’entrata in vigore della fatturazione elettronica B2B: i contribuenti che versano mensilmente possono inviare le e-fatture entro il 18 febbraio senza incorrere in sanzioni.

Prossime scadenze

Entro l’11 febbraio bisogna pagare l’imposta di bollo virtuale sugli assegni circolari rilasciati alla fine del quarto trimestre 2018.

Entro il 15 febbraio banche e intermediari finanziari devono le comunicazioni all’anagrafe tributaria sulle operazioni 2018, si può effettuare il ravvedimento breve (maggiorazione degli interessi legali e sanzione ridotta a un decimo del minimo) per imposte e ritenute omesse o insufficienti al 16 gennaio.

=> E-fattura: errori e soluzioni

Il 18 febbraio è il tax day:

  • ultimo giorno per inviare al Sdi le fatture elettroniche emesse dal primo gennaio 2019;
  • scadenza liquidazioni IVA relative a gennaio e del quarto trimestre 2018;
  • versamento IVA da parte di soggetti (come le pubbliche amministrazione) che applicano la split payment;
  • scadenza per il versamento della tobin tax (imposta sulle transazioni finanziarie);
  • versamenti a carico dei sostituti d’imposta (ritenute relative al mese precedente, imposta sostitutiva IRPEF e addizionali sui premi di produttività di gennaio).

Il 25 febbraio gli operatori intra-comunitari con obbligo mensile devono presentare gli elenchi riepilogativi Intrastat delle cessioni di beni e delle prestazioni di servizi rese nel mese precedente nei confronti di soggetti UE.

Sono ivece state spostate al 30 aprile le due scadenze per gli operatori IVA previste inizialmente per il 28 febbraio:

  • l’ultimo appuntamento per lo Spesometro, con la comunicazione dei dati relativi al secondo semestre 2018;
  • il debutto per l’esterometro, ovvero la comunicazione mensile sulle fatture con l’estero;

Vanno invece effettuate entro il 28 febbraio le comunicazioni all’anagrafe tributaria in vista della stagione dichiarativa: previdenza complementare, spese sanitarie rimborsate, spese funebri, premi assicurativi, mutui.