Tratto dallo speciale:

Piano vaccini anti-Covid, andamento e calendario

di Redazione PMI.it

scritto il

Vaccinazione Covid del personale sanitario in fase avanzata, agli inizi per gli over 80: priorità, calendario e andamento della campagna vaccinale.

Gli ultimi dati sulla campagna vaccinale contro il Covid vedono oltre 800mila persone in Italia che hanno già ricevuto entrambe le dosi necessarie per completare il percorso di vaccinazione. In tutto, le somministrazioni sono però oltre 2 milioni, perché ci sono altre 550mila persone che hanno ricevuto la prima dose e sono in attesa della seconda. Le Regioni stanno procedendo in base al piano vaccini che prevede specifiche priorità nella somministrazione: le prime categorie di aventi diritti sono il personale sanitario, gli ospiti e il personale delle RSA, le residenze per anziani e le persone con più di 80 anni. Ci sono Regioni che stanno già partendo con le vaccinazione degli over 80, mentre nella maggior parte dei casi si stanno ancora vaccinando le prime due categorie sopra indicate.

=> Mappa Covid: cambio di zone in Italia e in Europa

Vaccinazioni Covid: update in tempo reale

I dati sono pubblicati ogni giorno sul portale dedicato alla campagna vaccinale anti Covid, predisposto dal ministero della Sanità. Contiene le regole in base alle quali è stata predisposta la campagna vaccinale, l’aggiornamento quotidiano delle somministrazioni (con la mappa delle Regioni, i dati sulle persone che stanno ricevendo i vaccini in questa prima fase), le risposte alle domande più frequenti. E ci sono i link a una serie di materiali informativi, per esempio il Piano vaccini.

Al momento, lo ricordiamo, l’Italia sta somministrando quasi esclusivamente il vaccino di Pfizer-BioNtech, che è stato il primo a ottenere l’autorizzazione dell’auhotity europea (EMA – European Medicines Agency) lo scorso 21 dicembre, ma è già iniziata anche la distribuzione del vaccino Moderna, autorizzato dalla Ue il 7 gennaio. Nei giorni scorsi l’agenzia del farmaco ha dato l’ok anche ad AstraZeneca e non dovrebbe essere lontana neanche l’approvazione per Johnson & Johnson (che potrebbe arrivare entro fine febbraio), l’unico dei quattro a richiedere una sola dose.

Più lunghi i tempi per altri vaccini come Sanofi e Curevax. In corso c’è la sperimentazione anche di un vaccino italiano, Reuthera, che però non dovrebbe essere disponibile prima di giugno. In pratica, quindi, sono quattro i vaccini che verranno utilizzati sicuramente in questa prima parte della campagna vaccinale: Pfizer-BioNtech, Moderna, AstraZeneca, Johnson & Johnson.

Calendario regionale per i vaccini

Per quanto riguarda l’andamento della campagna vaccinale, in tutte le Regioni sono ampiamente in corso le vaccinazioni di personale sanitario e RSA, mentre negli ultimi giorni sta iniziando la campagna per gli over 80. Questa fase è già iniziata in Alto Adige, sono partite le prenotazioni in Lazio, Campania e Abruzzo. In Lazio le prime vaccinazioni agli over 80 sono previste per l’8 febbraio, in Campania qualche giorno dopo (fra il 10 e il 15), l’Abruzzo pur avendo aperto le prenotazioni non ha fissato una data precisa per le prime vaccinazione delle popolazione più anziana. Intorno a metà febbraio dovrebbero partire Liguria, Valle d’Aosta, Veneto, Trentino, Puglia, Umbria. Le altre Regioni hanno in programma di partire fra fine febbraio e marzo.

La Regione che ha somministrato più vaccini, in termini assoluti, è la Lombardia, sopra quota 344mila, seguita da Emilia Romagna (circa 216mila), Piemonte (205mila), Lazio e Campania, entrambe sopra le 190mila somministrazioni. In termini percentuali, rispetto alle dosi consegnate, le Regioni più virtuose sono invece la Campania, Piemonte, Marche, Umbria. Somministrazione sopra il 90% anche in Emilia Romagna, Toscana, Puglia, Valle d’Aosta, Veneto, Provincia di Bolzano.

I Video di PMI