TFR-TFS: richiesta INPS online di esonero riscatto

di Barbara Weisz

scritto il

Guida alla domanda di sospensione del pagamento delle rate per il riscatto contributivo ai fini TFR-TFS, attraverso i servizi INPS online: modelli, procedura, istruzioni.

Nuovo servizio INPS online per amministrazioni pubbliche, dipendenti di Stato, Sanità ed enti locali o pensionati che vogliono chiedere l’esonero dal riscatto delle rate non ancora versate ai fini TFR-TFS (trattamento di fine rapporto e trattamento di fine servizio). Sul sito dell’istituto nazionale di previdenza sono presenti i nuovi moduli e le istruzioni per le procedure da seguire.

=> TFS e TFR a rate: pagamento e termini

Si tratta della sospensione del pagamento delle rate per il riscatto di periodi non coperti da contribuzione ai fini TFR o TFS, e la rideterminazione i base ai periodi riscattati. Ci sono due diverse procedure, per le pubbliche amministrazioni e per i lavoratori. Le prime utilizzeranno l’abilitazione INPS di cui già dispongono, mentre dipendenti e pensionati devono accedere ai servizi online INPS tramite PIN dispositivo, il quale si può chiedere direttamente online (dall’apposita sezione “PIN online”),oppure agli sportelli, compilando il modulo MV35.

=> INPS: PIN dispositivo per pratiche online

Il lavoratore, per presentare la domanda online, parte dall’area “Servizi per il cittadino“, nella sezione “Servizi online” del portale INPS. Dopo essersi autenticato con il PIN dispositivo può accedere al servizio di esonero riscatto TFR -TFS attraverso una delle tre funzioni disponibili: per area tematica, per tipologia di servizio, per ordine alfabetico.

=> Come chiedere l’anticipo TFR

La procedura è diversa per i dipendenti Ex-INPDAP, che accedono partendo dalla sezione riservata ai Servizi Gestione Dipendenti Pubblici, cliccando poi su “Servizi per iscritti e pensionati“, inserendo il PIN. Sul sito dell’istituto di previdenza è presente anche un manuale utente, con tutte le indicazioni relative alla domanda esonero riscatto.

=> TFR: esclusi risarcimenti e indennità

Il dipendente che chiede l’esonero smette di pagare le rate per il riscatto dei periodi non coperti da contribuzione e l’istituto provvederà al ricalcolo del TFR o del TFS in base a quanto è già stato versato.