Tratto dallo speciale:

Il mercato del lavoro italiano per gli stranieri

di Barbara Weisz

scritto il

Sale il numero degli occupati stranieri ma anche quello dei disoccupati, che ricevono stipendi più bassi dei colleghi italiani: il report sull'occupazione straniera e i dati anche su lavoratori autonomi e imprenditori.

L’allarme disoccupazione in un mercato del lavoro segnato della crisi assume livelli preoccupanti anche fra gli stranieriche mediamente guadagnano circa 300 euro al mese meno degli Italiani: sono i dati del terzo rapporto annuale del ministero del Lavoro su «Gli immigrati nel mercato del lavoro in Italia».

lavoratori stranieri rappresentano il 10,2% degli occupati italiani, in aumento dello 0,4% sul 2011.

In termini assoluti, nel 2012 a fronte di una crescita del numero degli occupati stranieri (+83mila unità), si è verificata una diminuzione dell’occupazione italiana (-151mila).

=>Leggi anche: Lavoro e posto fisso, stranieri e Italiani a confronto

L’incremento, però, si riferisce a poche professioni, a partire da assistenti domiciliari e le collaboratrici domestiche, che rappresentano nel 2012 oltre la metà delle occupate straniere.

L’analisi evidenzia come la crisi produca effetti più accentuati fra gli immigrati:

  • Raddoppiato nel 2012 il numero di stranieri in cerca di occupazione (+23,4%).
  • Aumentato in maggiore misura il tasso di disoccupazione dal 2008 al 2012 fra gli stranieri, due punti percentuali in più rispetto a quello dei lavoratori italiani, che sale a 3,5 punti se si considera solo il Nord, e a  4,5 punti analizzando la sola componente maschile. Pesa in particolare il settore manifatturiero.
  • In aumento il numero di immigrati impiegati con mansioni non qualificate: erano il 29% nel 2008 e il 34% nel 2012, mentre le posizioni qualificate si riducono, nello stesso periodo, dall’8,2% al 5,9%.

Come segnala anche il rapporto annuale Istat 2013, emergono tre fenomeni:

  1. Aumento dei livelli di sovraistruzione dei lavoratori stranieri: dal 39% del 2008 al 41% .
  2. Crescita della sottoccupazione: dal 7% al 10,7%.
  3. Aumento del divario delle retribuzioni medie: 968 euro al mese contro 1.304 euro dei lavoratori italiani, con una forbice di 336 euro, che invece nel 2008 era a 266 euro al mese.

=>Regole per assunzione di professionisti stranieri

Il rapporto evidenzia come non sia possibile stabilire se queste trasformazioni abbiano una natura congiunturale o se i fenomeni siano più di natura strutturale.

Lavoratori stranieri autonomi

Sono soprattutto artigiani, il 6,3% del totale delle persone che svolgono questa attività in Italia, e commercianti, 7%.

Artigiani: gli stranieri sono 119mila803, su un totale di 1 milione 907mila 081 artigiani iscritti all’Inps. Sono quasi totalmente concentrati al Nord e nel Centro, le prime tre regioni sono Lombardia, Emilia Romagna e Toscana.

Commercianti: 59mila 317 su un totale di 2 milioni 290mila 869 commercianti. Netta prevalenza maschile, 72%, anche qui concentrazione al Nord e al centro. le due regioni a più alta densità di commercianti stranieri sono Lombardia e Lazio.

Imprenditoria straniera

Le imprese individuali con titolare extracomunitario sono il 9,1% del totale, che supera il 10% in alcuni settori: noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imprese, edile, commerciale, manifatturiero e servizi di informazione e comunicazione.

=>MoneyGram: imprenditoria immigrata d’eccellenza – PMI.it

settori imprenditorali a minore partecipazione straniera sono agricoltura, silvicoltura e pesca ed estrazione di minerali da cave e miniere.

Dal 2011 al 2012, è cresciuto del 6,8% il numero delle imprese commerciali straniere, mentre l’incremento per le attività di noleggio e servizi alle imprese è stato del 20%.

Uniche variazioni negative per trasporto e magazzinaggio e servizi di informazione e comunicazione