Pensione APe Social, domande entro marzo

di Barbara Weisz

scritto il

Requisiti e regole per la domanda di certificazione del diritto di pensione con APe Social: la prima finestra 2020 scade a fine marzo.

Le regole sono le consuete: chi matura il diritto all’APe Social nel 2020 deve presentare all’INPS domanda di accesso al beneficio entro fine marzo. L’istituto di previdenza risponde poi entro il 30 giugno, certificando il possesso dei requisti (o rigettando la richiesta, con decisione motivata), a quel punto si può presentare la domanda di APe vera e propria.

La domanda di certificazione del diritto si presenta online o tramite intermediari.

In realtà quella che scade il 30 marzo è solo la prima finestra a disposizione, dopo la quale ci sono altre due possibilità di presentare la richiesta. La seconda finestra va dal primo aprile al 15 luglio, quando si può presentare la domanda di accesso al beneficio con la certezza che l’INPS risponderà entro il 15 ottobre. La terza decorre dal 15 luglio fino al 30 novembre, ma in questo caso l’INPS lavora le domande solo nel caso in cui ci siano ancora risorse disponibili.

Requisiti

Hanno diritto all’APe Social (che la manovra ha prorogato per tutto il 2020), i lavoratori con 63 anni di età e 30 o 36 anni di contributi a seconda della tipologia di aventi diritto a cui si appartiene. Sono quattro le casistiche previste.

  • Disoccupati: devono avere perso il lavoro involontariamente, o essersi dimessi per giusta causa, e avere concluso da almeno tre mesi la prestazione di disoccupazione. In caso di scadenza di un contratto a termine, ci sono regole stringenti (ci vogliono almeno 18 mesi di lavoro nei tre anni precedenti). Il requisito contributivo è pari a 30 anni. Al momento di presentazione della domanda di accesso, bisogna già essere disoccupati. Gli altri requisiti (età, contribuzione, almeno tre mesi dalla fine del sussidio) possono essere maturati entro la fine dell’anno.
  • Caregiver: devono assistere da almeno sei mesi il coniuge, anche in unione civile, un parente di primo grado convivente con handicap grave (in base all’articolo 3, comma 3, della legge 104/1992), un parente o affine fino al secondo grado con genitori o coniuge ultra70enne oppure a sua volta in condizioni di gravità. Requisito contributivo: 30 anni. Requisito da aver già maturato al momento di presentazione della domanda di ammissione: la convivenza da almeno sei mesi con il parente di cui ci si prende cura. Età e contribuzione possono invece essere maturate successivamente, ma entro la fine del 2020. Attenzione: nel caso in cui il lavoratore decada dalla condizione di caregiver (ad esempio, a causa del decesso del parente), prima di iniziare a percepire la prestazione non ha più diritto all’Ape. Se invece questo stesso fatto si verifica dopo che è già iniziato il trattamento, quest’ultimo non si interrompe.
  • Lavoratori con invalidità pari almeno al 74%: requisito contributivo pari a 30 anni. La riduzione della capacità lavorativa deve essere certificata dalle competenti commissioni mediche e deve già sussistere al momento di presentazione della domanda di accesso al beneficio. Gli altri requisiti si possono maturare in via prospettica nel corso del 2020.
  • Lavoratori gravosi: hanno svolto per almeno sei anni negli ultimi sette oppure per almeno sette anni negli ultimi dieci una delle mansioni gravosi contenute nell’allegato C della legge 232/2016, come modificata dalla manovra 2018). Il requisito contributivo in questo caso è pari a 36 anni. Al momento di presentazione della domanda di ammissione al beneficio bisogna già avere lo status di addetti a mansioni gravose, igli altri requisti possono essere maturati entro la fine dell’anno.

I Video di PMI

Lavori gravosi con diritto al prepensionamento