Mansioni di lavoro superiori: promozione obbligatoria

di Redazione PMI.it

scritto il

Quando scatta, secondo la Cassazione, la promozione obbligatoria del lavoratore in caso di reiterata assegnazione a mansioni superiori.

Interessante il caso sul quale si è pronunciata la Corte di Cassazione con l’Ordinanza n. 1556/2020, che questa volta non ha esaminato una questione di licenziamento o di demansiomento, ma di reiterata assegnazione di mansioni superiori a quelle previste per il proprio inquadramento contrattuale.

Mansioni superiori: quando scatta la promozione

Una situazione non così infrequente per la verità, anche se magari se ne parla meno. Ecco perché è utile sapere che, secondo i giudici supremi, la reiterata e sistematica assegnazione del lavoratore a mansioni superiori, anche se frazionata, fa scattare la promozione e l’obbligo di versare le relative differenze retributive. Il tutto a posto che tale assegnazione sia collegata ad esigenze strutturali dell’impresa.

=> Ottenere una promozione senza chiederla

Perché il lavoratore abbia diritto a chiedere al datore di lavoro il riconoscimento della promozione è sufficiente, come avvenuto nel caso esaminato dagli ermellini, la prova di un’iniziale programmazione da parte del datore dei molteplici incarichi e della predeterminazione utilitaristica di tale comportamento, anche senza evidente intento fraudolento del datore di lavoro di impedire la maturazione del diritto alla promozione automatica.

=> Manager incapaci ostacolo alla carriera

Per la Cassazione, la motivazione della Corte di merito era corretta da un punto di vista giuridico e fattuale. Con un percorso argomentativo immune da vizi, i giudici dell’appello erano giunti ad individuare il corretto inquadramento del lavoratore ricorrente secondo tre fasi:

  1. l’accertamento in fatto dell’attività lavorativa svolta in concreto;
  2. l’individuazione delle qualifiche e gradi previsti dal CCNL di categoria;
  3. il raffronto dei risultati delle suddette due fasi.

I giudici supremi hanno quindi confermato la sentenza della Corte d’appello di Milano che aveva accolto l’appello interposto dal ricorrente accertando il suo diritto all’inquadramento nell’area superiore “Quadri Livello A” e condannato la società datrice di lavoro al pagamento in suo favore delle relative differenze retributive, oltre accessori, dalle singole scadenze al saldo.

I Video di PMI

Visite fiscali INPS per malattia dei dipendenti