Tratto dallo speciale:

Nuovi incentivi al Turismo, domanda a luglio: bando e requisiti

di Barbara Weisz

14 Maggio 2024 12:47

Dal ministero del Turismo nuovi incentivi PNRR alle strutture turistiche: domande di contributo diretto e finanziamento agevolato nel solo mese di luglio.

Alberghi e imprese turistico-ricettive che pianificano investimenti con i benefici del Fondo Rotativo Turismo potranno presentare domanda a partire dal 1° luglio: il ministero ha pubblicato l’Avviso  relativo alla misura finanziata dal PNRR.

L’incentivo consiste in un finanziamento agevolato concesso da Cassa Depositi e Prestiti e da un contributo diretto che può arrivare la 35% delle spese ammissibili.

Vediamo tutti i dettagli del bando e le istruzioni  (con le scadenze) per la domanda.

Fondo Turismo: le imprese ammissibili

Possono presentare domanda di accesso ai nuovi incentivi del ministero del Turismo: alberghi, agriturismi, strutture ricettive all’aria aperta, imprese del comparto turistico, ricreativo, fieristico e congressuale, stabilimenti balneari, complessi termali, porti turistici, parchi tematici, inclusi i parchi acquatici e faunistici.

Devono o gestire l’attività o essere proprietari degli immobili in cui viene effettuata.

Gli incentivi concessi

L’incentivo consiste in un finanziamento agevolato con durata da 4 a 15 anni, al tasso fisso dello 0,50%, con tre anni di preammortamento, abbinato a un finanziamento bancario a tasso di mercato di pari importo e durata.

Il contributo è concesso sulla base degli importi ammissibili, fino a un massimo del 35%.

Investimenti ammessi a contributo e finanziamento

L’incentivo riguarda investimenti da 500mila e fino a 10 milioni di euro, realizzati sul territorio nazionale, coerenti con l’attività dell’impresa richiedente e compatibili con la transizione climatica ed energetica:

  • incremento dell’efficienza energetica;
  • riqualificazione antisismica;
  • eliminazione delle barriere architettoniche;
  • interventi edilizi di manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia o installazione di manufatti leggeri, incluse le unità abitative mobili e loro pertinenze e accessori collocate, anche in via continuativa, in strutture ricettive all’aperto per la sosta e il soggiorno dei turisti, funzionali alla realizzazione degli interventi di incremento dell’efficienza energetica delle strutture e di riqualificazione antisismica e agli interventi di eliminazione delle barriere architettoniche;
  • realizzazione di piscine termali e acquisizione di attrezzature e apparecchiature per lo svolgimento delle attività termali;
  • interventi per la digitalizzazione:
  • acquisto/rinnovo di arredi.

Tipologia di spese agervolabili

I progetti devono essere avviati dopo la presentazione della domanda (nei tre mesi successivi alla firma del contratto di finanziamento) e completati entro il 31 dicembre 2025. Per quanto riguarda le spese ammissibili, il bando prevede le seguenti voci di costo.

  • Servizi di progettazione: nella misura massima complessiva del 2%;
  • suolo aziendale e sue sistemazioni: fino al 5%;
  • fabbricati, opere murarie e assimilate: fino al 50%;
  • macchinari, impianti e attrezzature varie, nuovi di fabbrica;
  • investimenti in digitalizzazione, esclusi i costi di intermediazione, nella misura massima del 5%.

Come si presenta la domanda

Le domande di accesso ai benefici del Fondo Rotativo per il Turismo si presentano a partire dalle ore 12:00 del 1° luglio e fino alle 12:00 del 31 luglio 2024, utilizzando esclusivamente la procedura informatica messa a disposizione da Invitalia.

La modulistica sarà online sul portale di Invitalia a partire dal 30 maggio 2024. Andrà inviata con la firma digitale del legale rappresentante, unitamente alla documentazione tecnica richiesta.