Tratto dallo speciale:

Bonus assunzioni 2024: guida alla nuova maxi-deduzione

di Anna Fabi

Pubblicato 27 Giugno 2024
Aggiornato 15 Luglio 2024 12:32

logo PMI+ logo PMI+
Guida alla maxi-deduzione sul costo del lavoro per assunzioni a tempo indeterminato: ecco come funziona il nuovo incentivo.

Con la pubblicazione nei giorni scorsi del decreto attuativo (DM 25 giugno 2024) delle nuove agevolazioni fiscali per le assunzioni a tempo indeterminato 2024, può finalmente partire la maxi-deduzione al 120% del costo del lavoro dei nuovi assunti, che arriva fino al 130% se si tratta di lavoratori che rientrano in categorie di “svantaggiati”, come under 30, percettori di Reddito di Cittadinanza e disoccupati.

Vediamo dunque cosa cambia per le assunzioni agevolate 2024 in base alle novità della Manovra economica.

Assunzioni agevolate: le novità dal 2024

Il nuovo strumento non è una decontribuzione INPS ma una deduzione del costo del lavoro, in attesa della mini-IRES (tendenzialmente al 15%) prevista nell’ambito degli incentivi alle imprese nel più vasto quadro della riforma fiscale (articoli 6 e 9 della legge delega).

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da PMI.it (@pmi.it)

Extra-deduzione sugli incrementi occupazionali

Dal 2024 è applicabile un aumento fino al 20% del costo ammesso in deduzione per le nuove assunzioni che aumentano gli addetti in azienda, calcolati su base annua. Una misura che si inserisce nel percorso “più assumi meno paghi” intrapreso dal Governo. Come aveva spiegato a suo tempo la premier Giorgia Meloni:

Il principio che stiamo cercando di applicare per le aziende è: più alta è l’incidenza di dipendenti che si ha in rapporto al fatturato, meno tasse si devono allo Stato.

Il decreto (MEF – Lavoro) contiene le istruzioni per attivare gli incentivi (di cui all’articolo 4 del decreto legislativo 30 dicembre 2023, n. 216) per imprese e professionisti che assumono a tempo indeterminato, con una maggiorazione ulteriore in casi di contratti a categorie di lavoratori svantaggiati.

Il Dipartimento delle Finanze ha pubblicato anche la Relazione illustrativa della misura prevista dal Decreto Fiscale collegato alla Manovra 2024.

Come funziona il nuovo incentivo

La super-deduzione è pari al 120% per tutte le nuove assunzioni stabili e al 130% per alcune categorie di lavoratori “molto svantaggiati” secondo la normativa europea.

Questi includono persone con disabilità, minori in età lavorativa in situazioni di difficoltà familiare, donne con almeno due figli minori, giovani ammessi agli incentivi all’occupazione giovanile, e ex percettori del reddito di cittadinanza che non integrino i requisiti per l’accesso all’Assegno di inclusione. Nello specifico:

  • lavoratrici e lavoratori molto svantaggiati;
  • persone con disabilità o che rientrano in categorie svantaggiate;
  • giovani ammessi agli incentivi all’occupazione giovanile;
  • donne di qualsiasi età con almeno due figli minori o prive di un impiego regolarmente retribuito da almeno sei mesi residenti in determinati territori;
  • donne vittime di violenza;
  • lavoratori o lavoratrici con sede di lavoro situata in regioni che nel 2018 presentavano un prodotto interno lordo pro capite inferiore al 75 % della media EU27 o comunque compreso tra il 75% e il 9%, e un tasso di occupazione inferiore alla media nazionale;
  • ex percettori del reddito di cittadinanza senza i requisiti per l’accesso all’Assegno di inclusione.

Come si calcola l’aumento occupazionale

Il bonus scatta per le assunzioni di dipendenti a tempo indeterminato, con contratto in essere al termine del periodo d’imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2023:

se il numero dei lavoratori dipendenti a tempo indeterminato alla fine del periodo d’imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2023 è superiore al numero di lavoratori dipendenti a tempo indeterminato mediamente occupato nel periodo d’imposta precedente.

Per determinare l’aumento occupazionale che dà diritto alla deduzione, si deve riferimento a un anno intero. Lo ha chiarito a inizio anno il Viceministro all’Economia, Maurizio Leo, presentando il nuovo strumento fiscale volto a incentivare l’occupazione stabile.

Ad esempio, se nel 2023 ci sono 100 dipendenti, e nel 2024 si incrementa il numero di dipendenti a tempo indeterminato di 30 unità, su queste 30 unità si considererà il costo del lavoro con una maggiorazione del 20 o del 30 per cento.

A chi spetta la super-deduzione

La super-deduzione è riservata a titolari di reddito d’impresa, imprese individuali (comprese le familiari e coniugali), società di persone, autonomi esercenti arti e professioni. Questi soggetti devono aver esercitato l’attività nel periodo d’imposta 2023 per almeno 365 giorni e le assunzioni devono comportare un aumento della base occupazionale rispetto all’anno precedente.

Nel dettaglio, sono ammessi:

  • società per azioni e in accomandita per azioni, società a responsabilità limitata, società cooperative e società di mutua assicurazione, società europee e società cooperative europee residenti nel territorio dello Stato;
  • enti pubblici e privati diversi dalle società, trust, residenti nel territorio dello Stato, che hanno per oggetto esclusivo o principale l’esercizio di attività commerciali;
  • enti pubblici e privati diversi dalle società, trust che non hanno per oggetto esclusivo o principale l’esercizio di attività commerciale, organismi di investimento collettivo del risparmio, residenti nel territorio dello Stato;
  • società ed enti di ogni tipo, compresi i trust, con o senza personalità giuridica, non residenti nel territorio dello Stato;
  • imprese individuali, società di persone ed equiparate ai sensi dell’articolo 5 del citato TUIR titolari di reddito d’impresa;
  • esercenti arti e professioni, anche in forma associata, che determinano il reddito di lavoro autonomo ai sensi dell’articolo 54 del suddetto TUIR

Sono escluse le imprese in liquidazione ordinaria, giudiziale o soggette ad altri istituti liquidatori per crisi di impresa, a decorrere dall’inizio della procedura.

Compatibilità con altri incentivi

La nuova misura sostituisce le precedenti decontribuzioni generiche per donne e giovani, mentre è cumulabile con la nuova agevolazioni per tutte le assunzioni al Sud.

Il decreto legislativo approvato assieme al disegno di legge di Bilancio, elimina infatti lo storico strumento della decontribuzione per le assunzioni di giovani fino a 36 anni e quello per le donne svantaggiate di ogni età, sostituiti da una nuova super-deduzione sulle assunzioni a tempo indeterminato.

=> Lavoro in Manovra 2024: assunzioni e bonus

La maxi-deduzione sostituisce quindi i vecchi sgravi e si coordina con le nuove decontribuzioni previste a partire da luglio e settembre 2024.

Per le assunzioni agevolate spettava una decontribuzione al 100%, fino a 8mila euro. Adesso, si unifica lo strumento e lo si declina in ottica di incremento occupazione di categorie svantaggiate.