Android, smartphone e tablet di inizio 2011

di Marco Mattioli

scritto il

I nuovi terminali Android stanno colonizzando il mercato: sempre più apprezzata la piattaforma voluta da Google.

Il CES 2011 è stato solo la prima delle vetrine ufficiali per mostrare in anteprima le novità hardware e software per l’Elettronica di Consumo nel nuovo anno, ma sin da subito il sistema opertivo mobile voluto da Google, Android, è emerso come protagonista assoluto, con un moltiplicarsi di smartphone e tablet ad hoc. Non a caso, Android ha superato in popolarità iOS negli Stati Uniti si accinge a insidiare la leadership di RIM e della piattaforma BlackBerry.

Tablet Android

Se i tablet sono destinati a bissare il successo di vendite del 2010, l’uscita di Android 3.0 Honeycomb rappresenta un ottimo punto di partenza per la nuova generazione di tavolette pc, in quanto specificamente sviluppata per esprimerne al meglio le potenzialità.

La veste grafica dell’interfaccia è stata completamente rinnovata per sfruttare l’aumento di risoluzione e l’ampiezza generosa dei display (7 o 10,1 pollici).

L’esperienza di navigazione web e stata migliorata e resa più coinvolgente per avvicinarsi allo stile desktop, merito in particolare della modalità orizzontale. Anche la posta elettronica trae vantaggio dal nuovo approccio per gestire con più efficienza e immediatezza i propri account creati con Gmail. L’interfaccia del client YouTube è stata ottimizzata per rendere più funzionale e appagante l’interazione con i video preferiti.
I vantaggi di questo rinnovamento coinvolgono anche altri applicativi preinstallati, quali Google Maps, Google Talk e Google Books, rendendo più agevole l’esplorazione 3D di luoghi, l’attività di chat video e la lettura di testi di ogni genere.

Date le sue dimensioni, la tastiera virtuale sembra potersi proporre quale ottimo supporto per la digitazione di note, messaggi e documenti e contribuire pertanto all’incremento della produttività personale. Sul piano hardware la nuova generazione è caratterizzata dal processore dual core Nvidia Tegra 2, capace di migliorare le prestazioni specialmente per quanto concerne la resa grafica.

Motorola Xoom

Molto compatto (730 gr di pesom dimensioni di 24,9×16,8×1,3 cm), ha display da 10,1 pollici (risoluzione 1.280×800), 1 GB di RAM, 32 GB di memoria flash e due fotocamere integrate, una frontale da 2 megapixel e una posteriore da 5 megapixel per effettuare riprese video con qualità HD (720p).

La connettività dati è resa possibile dai moduli GPS, Bluetooth 2.1, Wi-Fi 802.11 b/g/n e 3G, rivelandosi pertanto un apparecchio versatile. Da segnalare anche la presenza di uno slot di espansione per schede microSD e una porta HDMI per condividere contenuti multimediali. La batteria agli ioni di litio dovrebbe consentire di raggiungere l’autonomia massima di 10 ore.

Asus Eee Memo Pad

Presentato come il primo tablet Android con processore Qualcomm dual core (frequenza di 1,2 GHz), è un device rivolto alla scrittura di note e ad applicazioni grafiche: per facilitare lo svolgimento di tali attività include un alloggiamento per una penna di tipo capacitivo per migliorare l’accuratezza d’uso. Altre caratteristiche, lo schermo da 7 pollici con risoluzione di 1.024×600 e sistema operativo Honeycomb.

Acer Iconia

Anch’esso dotato di Honeycomb è una linea costituita da due device con display da 7 e 10,1 pollici e risoluzione 1.280×800, dotati di interfaccia utente personalizzata dalla stessa casa produttrice. Il primo monta un processore Qualcomm dual core da 1,2 GHz, mentre il secondo è basato sull’architettura Nvidia Tegra 2 da 1 GHz. Entrambi hanno una doppia fotocamera con la possibilità di registrare video HD e possono inoltre contare su Wi-Fi b/g/n, porta HDMI, Bluetooth 3.0, giroscopio e accelerometro.

Asus Eee Pad Slider e Transformer

Asus Eee Pad Slider si mette in evidenza per il suo design particolare, che va oltre l’interpretazione in senso stretto del tablet per fornire agli utenti una comoda e pratica tastiera QWERTY a scorrimento in stile netbook. Android 3.0 è accompagnato dalla CPU Nvidia Tegra 2, un massimo di 1 GB di RAM e di 32 GB di memoria flash.

Il display è ampio 10,1 pollici (supporta la risoluzione HD) e si può contare su una fotocamera frontale da 1,2 megapixel e una posteriore da 5 megapixel. La dotazione è completata da Bluetooth 2.1, WLAN 802.11 b/g/n, lettore microSD, porta HDMI e porta docking station. Nonostante la tastiera, peso e dimensioni restano contenuti: 886 grammi per 273 x 180 x 17,1 millimetri.

Una sua variante è costituita dal modello Eee Pad Transformer, il quale consente di staccare la tastiera (dotata anche di mousepad) dal display per avere una soluzione ancora più versatile.

Smartphone Android

LG Optimus Dual

Conosciuto anche come 2X, tra gli smartphone suscita grande interesse: primo terminale con chipset dual core Tegra 2 da 1 GHz e capace perciò anche in questo settore di incidere fortemente sul miglioramento delle prestazioni grafiche. La RAM è di 512 MB, mentre la memoria di storage è pari a 8 GB ed è espandibile con schede microSD. È dotato di un display capacitivo da 4 pollici, il quale supporta la risoluzione massima di 480×800 punti e ha un peso di 139 grammi e dimensioni di 123,9 x 63,2 x 10,9 millimetri.

La risoluzione della fotocamera è di 8 megapixel e la sua prerogativa è di riuscire a effettuare riprese video Full HD (1080p) a 24 fps. L’uscita HDMI è utile per meglio apprezzare i contenuti video su schermi e TV esterne. Utilizza Android 2.2 Froyo e dovrebbe essere aggiornabile alla prossima release 2.3 (Gingerbread), che introduce migliorie nel layout dell’interfaccia per renderla più snella ed efficiente.

Motorola Atrix

Monta uno schermo da 4 pollici caratterizzato dalla risoluzione 540×960 pixel e rispetto al modello LG è più compatto: 135 grammi per 117,8 x 63,5 x 10,1 mm. Ulteriori specifiche di rilievo derivano dalla disponibilità di 1 GB di RAM, 16 GB di storage ampliabili con microSD e una batteria agli ioni di litio con capacità di 1.930 mAh.

Offre anch’esso un’uscita HDMI per visualizzare immagini e filmati in modo più appropriato. Altre sue peculiarità apprezzabili anche in ambiti professionali sono rappresentate da dock dedicati per trasformarlo comodamente in una sorta di laptop, una sveglia, un lettore audio/video e un navigatore satellitare, ampliandone così le potenzialità d’uso.

Google Nexus S

Frutto della collaborazione tra Google e Samsung, sfoggia già Gingerbread per poterne così valutare le nuove caratteristiche. Monta 512 MB di RAM e la memoria interna è di 16 GB, dei quali circa 14 sono utilizzabili dall’utente.

Sul piano estetico, la scocca lievemente ricurva conferisce eleganza al design del terminale e contribuisce al tempo stesso a migliorarne l ‘ ergonomia. Il touschscreen in vetro, ampio 4 pollici, è di tipo Super Amoled per rendere più vividi i colori di immagini e filmati. Sono presenti due fotocamere: una anteriore da 0,3 megapixel per le videochiamate e una posteriore da 5 megapixel con flash LED, la quale consente di eseguire riprese in formato HD.

Sony Ericsson Xperia Arc

Anche questo smartphone è dotato di un design elegante e si pone in evidenza specialmente per il comparto fotografico di qualità. L’ottica è da 8 megapixel e vi è la possibilità di effettuare scatti in sequenza con una buona velocità. La sensibilità del sensore Exmor consente inoltre di ottenere risultati convincenti in ambienti scarsamente illuminati, anche in caso di riprese video HD. Tra le altre specifiche si notano Gingerbread, il display Bravia da 4,2 pollici, il processore da 1 GHz, 512 MB di RAM e l’uscita HDMI.

I Video di PMI

Decalogo PEC: utilizzo e valore legale