Tratto dallo speciale:

Welfare: piattaforma in Cloud a portata di PMI

di Redazione PMI.it

scritto il

TeamSystem acquisisce la maggioranza di Beneficy rendendo accessibile anche alle PMI la piattaforma in cloud per la gestione dei piani di welfare.

Beneficy, l’innovativa piattaforma cloud di open welfare per aziende, aperta anche a dipendenti e consulenti del lavoro, ha attirato l’attenzione di TeamSystem, che ne ha acquisito una partecipazione di maggioranza così da potenziare la propria offerta TeamSystem HR nel settore gestione delle Risorse Umane, un comparto ad alto potenziale di crescita.

Beneficy offre la possibilità di creare e gestire in piena autonomia e con costi contenuti un piano di welfare aziendale per i propri dipendenti, rendendolo un servizio alla portata delle PMI. I lavoratori possono infatti spendere il loro importo virtuale in autonomia sfogliando il catalogo di beni e servizi erogati come flexible benefits, che come noto non concorrono al reddito di lavoro dipendente e quindi, rispetto alla retribuzione in denaro, si trasformano in un risparmio fino al 40% per datore di lavoro e dipendente stesso.

Uno strumento in più a disposizione per affrontare con maggiore agilità il percorso digitale di molte PMI e professionisti.

E l’ingresso nell’ampio network di TeamSystem (provider italiano di punta nel mercato delle soluzioni digitali per la gestione del business di imprese e professionisti) potrà dare una significativa spinta alla piattaforma in cloud, il cui servizio offre soluzioni e vantaggi di indubbio interesse per le aziende che vogliono adottare o migliorare il proprio piano di welfare aziendale.

=> Costi e benefici del Welfare

Come ha ricordato Gianluca Moretto, CEO di Beneficy, fino a qualche anno fa il welfare aziendale prerogativa dei gruppi multinazionali, oggi – anche grazie alle agevolazioni fiscali – molte PMI stanno adottando soluzioni di welfare per migliorare la relazione con i propri dipendenti e rendersi più concorrenziali sul mercato.

I Video di PMI

Versione a pagamento di LinkedIn: vale la pena