Libera professione dopo pensione in cumulo?

Risposta di

Barbara Weisz

scritto il

Maurizio chiede

Dovrei ottenere la pensione in cumulo INPS-ENPAM nel gennaio 2020. Sarà possibile poi continuare a lavorare come medico libero-professionista? I contributi ENPAM saranno gli stessi?

Barbara Weisz risponde

Lei potrà continuare ad esercitare la libera professione, versando i contributi e aumentando quindi il montante che le consentirà di incrementare la pensione. L’assegno viene ricalcolato con quella supplementare maturata ogni tre anni in base alle regole ENPAM, mentre l’INPS procede alla liquidazione ogni cinque anni.

Nel suo caso, dovrà versare all’ENPAM i contributi di quota B per la pensione supplementare, che decorre dal primo gennaio dell’anno successivo all’ultimo contributo del triennio.

Esempio: va in pensione nel 2020, continua a lavorare privatamente e a versare i contributi di quota B all’ENPAM negli anni seguenti. Il primo gennaio 2024 prenderà il primo supplemento pensione, con l’assegno ricalcolato in base al triennio di contributi versati.

Le regole INPS sono diverse, e prevedono che la pensione supplementare sia versata ogni cinque anni, con la possibilità una tantum di chiederla dopo due anni. Su specifica domanda. Ma nel suo caso, visto che intende continuare a lavorare come libero professionista, la pensione supplementare sarà Enpam.