Apple iPad Mini e iPad 3, nuove indiscrezioni

di Floriana Giambarresi

scritto il

Secondo recenti rumor, Apple sarebbe al lavoro su due nuovi modelli di iPad: Mini, con chip A5X, e iPad 3, con chip A6; presentazione il 7 marzo?

L’attesa per il lancio del nuovo iPad alimenta la caccia alle indiscrezioni: alcuni sviluppatori che hanno avuto modo di testare in anteprima la beta 5.1 di iOS avrebbero scoperto il riferimento a due nuovi codici che sono riferibili a due nuovi processori in sviluppo presso Apple, ovvero A5X e A6. Dovrebbero rispettivamente essere integrati in iPad Mini e iPad 3.

Ci si ritroverà di fronte a due nuovi modelli di iPad all’evento che l’azienda di Tim Cook starebbe preparando per giorno 7 marzo? Secondo quanto emerso nelle ultime ore, dovrebbe essere un’ipotesi piuttosto plausibile. Il fiammante A6 quad-core sarebbe proprio quel processore scelto da Apple per iPad 3, ovvero il nuovo tablet top di gamma che sostituirà l’iPad 2 attualmente in vendita a livello globale.

Trovano di nuovo fondamenta le ipotesi relative a un iPad Mini con schermo più piccolo, forse da 8 pollici, equipaggiato con una versione aggiornata del chip A5 presente in iPad 2, tablet che costituirebbe il modello entry level e che giungerebbe probabilmente nei negozi con connettività solo WiFi e con spazio per l’archiviazione dei dati da 16 GB.

Dovrebbero essere dunque due i nuovi dispositivi che Apple presenterà tra pochi giorni, per l’esattezza il 7 marzo secondo quanto si vocifera in Rete, e da ciò emerge la volontà di Cupertino di differenziare la linea proponendo due diverse soluzioni sul mercato così da soddisfare le differenti esigenze dei consumatori classici e aziendali.

Sebbene pochi mesi fa sembrava davvero improbabile che Apple potesse lanciare un iPad Mini, visto che Steve Jobs a quanto pare non lo gradiva, oggi sembra che l’azienda stia per prendere una direzione del tutto differente: l’obiettivo sarebbe quello di allargare la propria offerta e continuare a detenere la leadership sul mercato mondiale a discapito dei tanti tablet concorrenti in commercio, soprattutto con sistema operativo Android. Naturalmente, quanto riportato rientra ancora nella sfera delle pure speculazioni, anche se la possibilità che possa essere tutto reale sembra piuttosto concreta.