Addio credenziali del Fisco: come ottenere SPID, CIE e CNS per l’accesso ai servizi online

di Redazione PMI.it

scritto il

Dal 1° marzo l’Agenzia delle Entrate non rilascia né rinnova credenziali per i servizi online, in un vademecum le istruzioni per ottenere SPID, CIE o CNS.

Dal primo marzo addio alle credenziali di acceso ai servizi online dell’Agenzia delle Entrate: non solo non sono più rilasciate identità e password Fisconline ma nemmeno sono rinnovate quelle già distribuite, che cessano di funzionare a naturale scadenza (ma comunque non oltre il 30 settembre 2021). Significa che non è possibile rimandare oltre la richiesta di una delle tre uniche tipologie di identità digitale che consentono d’ora in poi l’ingresso nell’area riservata del portale (come del resto sta avvenendo per tutti i siti della PA):

  • Sistema Pubblico di Identità Digitale (SPID) almeno di secondo livello: chi accede con SPID deve avere sotto mano cellulare ed email (dipende dal gestore prescelto);
  • Carta d’Identità Elettronica (CIE): chi entra con la CIE ha bisogno di PIN e App su smartophone oppure smartcard NFC sul computer;
  • Carta Nazionale dei Servizi (CNS): chi sceglie la CNS necessita del relativo PIN.

In tutti i casi, per il rilascio è necessario compiere più passaggi perché questo garantisce maggiore sicurezza ed univocità delle credenziali stesse, che una volta ottenute servono per entrare in tutti i siti della PA. Le istruzioni sono riassunte in un sintetico volantino che l’Agenzia delle Entrate ha predisposto per guidare i cittadini nella procedura di rilascio delle credenziali prescelte.

Rilascio SPID e accesso ai servizi

Tutti i cittadini italiani maggiorenni possono attivare gratuitamente la propria identità SPID (anche chi risiede all’estero ed iscritti AIRE): basta un documento di riconoscimento, tessera sanitaria o codice fiscale, email e numero di cellulare personale.

Per la fase di riconoscimento ci si può recare presso una delle sedi fisiche proposte oppure effettuare una procedura da remoto (via webcam, per alcuni gestori a pagamento oppure con selfie audio-video e bonifico simbolico per la verifica dell’identità). Le istruzioni complete sono disponibili sul sito: www.spid.gov.it.

Chi possiede le credenziali SPID può accedere all’area riservata del sito dell’Agenzia cliccando sull’icona “accedi con SPID” e seguendo le istruzioni, che variano a seconda del gestore (identity provider) scelto tra quelli abilitati.

Rilascio CIE e accesso ai servizi

La carta d’identità elettronica si richiede al Comune di residenza, con fototessera (su USB). Le istruzioni complete sono disponibili sul sito: www.cartaidentita.interno.gov.it. I cittadini residenti all’estero devono richiederla presso il Consolato (istruzioni sul sito del Ministero degli Affari esteri). Un volta effettuata la richiesta, il codice PIN viene spedito in due momenti diversi: una prima parte durante l’identificazione e la seconda parte con ritiro allo sportello o ricezione presso il domicilio.

Chi è in possesso della Carta di identità elettronica, per accedere all’area riservata del sito web delle Entrate serve il PIN completo della CIE e l’applicazione mobile CIE ID sullo smartphone, o in alternativa un pc dotato di lettore per smartcard compatibile NFC). Per l’accesso si clicca su “accedi con CIE” e si seguono le istruzioni.

Rilascio CNS e accesso ai servizi

La Carta Nazionale dei Servizi o CNS è una smart card dotata di microchip o  chiavetta USB con dentro un certificato
digitale di autenticazione personale. Per accedere ai servizi dell’Agenzia delle Entrate serve che sia attiva e che se ne conosca il PIN, fornito dall’Ente che l’ha emessa. Serve anche un dispositivo di lettura oppure una postazione desktop con porta USB, nonché i driver della CNS installati.