Sette caratteristiche da top manager

di Chiara Basciano

scritto il

Le soft skills che fanno la differenza secondo EXS.

È scontato che un manager, per arrivare a posti di responsabilità, debba possedere competenze che fanno la differenza. Mette in evidenza questo concetto EXS, società di Executive Search di Gi Group. Nel dettaglio la società ha individuato sette caratteristiche essenziali per essere un top executive.

  • La prima è la consapevolezza del contesto, che permette di capire i trend del proprio settore. Si tratta di una capacità molto importante, che permette una lettura del contemporaneo e quindi di collocarsi nel posto giusto.
  • Ciò si collega alla seconda caratteristica: la capacità di costruire una visione che sappia coinvolgere gli altri. Ciò permette di rendere il cambiamento parte di un percorso ragionato e di generare nuovo valore grazie all’individuazione di obiettivi precisi.
  • Il terzo punto è essere portatori di innovazione, senza tralasciare le competenze storiche, ma svecchiandole e mettendo in relazione il nuovo e il vecchio, diventando facilitatore per l’introduzione del nuovo.
  • Altra caratteristica fondamentale è quella di imparare dagli errori, mettendosi in discussione, ascoltando gli altri e ripercorrendo con umiltà il proprio cammino. Non è mai troppo tardi per rimediare ai propri errori, basta avere lo stato d’animo giusto.
  • Quinta capacità è quella di saper ridurre la complessità, rendere tutto più agile e motivare i dipendenti grazie ad un confronto continuo.
  • Esercitare Self Awareness & Development è il passo successivo, si tratta in questo caso di sapersi guardare allo specchio, non avere paura del confronto e raccogliere serenamente i feedback. Solo in questo modo il manager potrà costruire con i suoi dipendenti un rapporto di fiducia reciproca.
  • Infine, accrescere la consapevolezza dell’organizzazione, comportandosi in modo da essere un modello per i dipendenti, condividendo i valori e lavorando per costruire una cultura aziendale condivisa.

EXS Leadership DNA, strumento elaborato da EXS in collaborazione con SDA Bocconi, permette di calcolare alcune della caratteristiche più importanti, nel dettaglio le quattro dimensioni dell’agility di un manager: mental, results, people e change.