Squinzi: “Detassare i salari”

di Andrea Barbieri Carones

scritto il

Il presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi, pensa che la detassazione dei salari dei lavoratori sia il primo passo per far ripartire l'economia.

Le aziende italiane soffrono e manca una seria politica industriale. Il presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi, parla ai microfoni di Canale 5 e fa una sintesi della situazione economica e lavorativa del Paese, soprattutto alla luce della riforma del lavoro voluta dal ministro Fornero e approvata dal Parlamento.

“Credo che quanto messo in atto dall’esecutivo in materia di lavoro sia un’occasione persa per tutto il Paese. Tuttavia ritengo ci sia ancora la possibilità di intervenire per correggere e migliorare la riforma” ha detto il numero uno di via dell’Astronomia. “Il primo punto su cui bisogna metter mano è la detassazione dei salari, in modo da favorire i consumi per far riprendere l’economia che in questi mesi è sostanzialmente ferma con un notevole calo della produzione dovuto soprattutto a un brusco stop ai consumi interni, che a sua volta sono stati inibiti dall’eccessivo carico fiscale. La detassazione delle buste paga sarebbe però soltanto una prima misura, che darebbe risultati a breve termine. Bisogna poi intervenire con azioni a lungo termine, incentrate sulla ricerca e l’innovazione delle aziende”.

Giorgio Squinzi fa anche una seconda critica alla riforma Fornero, visto che avrebbe tolto flessibilità in entrata senza dare una vera svolta alla flessibilità in uscita dall’azienda e dal mercato del lavoro. Il presidente di Confindustria ha anche detto che tutti questi temi saranno proposti al governo in occasione dell’incontro di oggi con il governo, dove “mi aspetto una disponibilità maggiore a pensare alla crescita dell’Italia, cosa che fino a oggi non c’è stata”.