Generali: al via la rivoluzione Greco

di Floriana Giambarresi

scritto il

Parte oggi da Londra la rivoluzione di Generali targata Mario Greco, ma il mercato non si mostra entusiasta. Ecco la nuova strategia del CEO.

 

È partita proprio oggi da Londra la rivoluzione di Generali targata Mario Greco, l’amministratore delegato che punta su una nuova strategia per incrementare la produttività. Tre le parole chiavi: disciplina, semplicità e focus, con una rifocalizzazione sul business assicurativo, un capitale e una leva finanziaria adeguati a un rating AA e un maggior contributo dei Danni.

=> LEGGI la riorganizzazione di Generali

Nel corso della presentazione londinese sono stati diramati i numeri chiave di Generali e Mario Greco stima un beneficio dalle cessioni di asset non principali pari a 4 miliardi, risparmi di costi per 600 milioni entro il 2015, un Roe a regime del 13% – che corrisponde a un utile operativo di 5 miliardi – e un Solvency I rario oltre il 160%. Greco non prevede riduzioni del personale né un taglio ai dividendi, anzi vorrebbe migliorare il ritorno agli azionisti:

Avremo una più solida e stabile posizione patrimoniale e un più elevato ritorno per gli azionisti. Abbiamo una chiara strategia e 83.000 dipendenti nel mondo impegnati nel realizzarla in modo efficiente“.

Il mercato non ha però espresso entusiasmo per la presentazione di Greco poiché gli analisti e i trader credono che abbia fissato degli obiettivi poco ambiziosi e che non abbia comunicato vere e proprie novità.

Ad ogni modo, Generali è disposta a restare nel patto di Pirelli per un altro anno in quanto ha una valutazione positiva sulla società: “Siamo favorevoli a restare un altro anno. Se verrà accorciato a un anno bene, altrimenti usciremo“, ha detto Greco sottolineando che su Pirelli la compagnia “è molto positiva”.

=> LEGGI il nuovo assetto italiano di Generali