Guida al regolare check-up aziendale

di Floriana Giambarresi

scritto il

Ecco le cose che il dirigente dovrebbe cercare quando fa il proprio regolare check-up aziendale: la guida.

Al fine di costruire e far crescere il proprio business, è necessario eseguire un regolare check-up aziendale così da capire cosa funziona e cosa invece non va. Ecco di seguito una breve guida sulle cose che l’imprenditore dovrebbe cercare quando esegue appunto questo check-up.

Il modo migliore per assicurarsi infatti che l’azienda proceda al meglio sia quello di metterla sotto un microscopio ed esaminarla almeno ogni tre mesi. Cosa si dovrebbe esaminare nello specifico? Ecco i punti fondamentali:

  • quante ore si lavora a settimana?
  • Quanto lavoro rimane incompiuto alla fine di ogni giornata?
  • Quali compiti non siamo mai riusciti a portare a termine?
  • si tratta di progetti condivisi, delegati o in outsorcing?
  • Quanto tempo si impiega a svolgere attività che generano davvero reddito?
  • State lavorando con clienti ideali o attirate più che altro persone che non vogliono comprare o eccessivamente esigenti?
  • Quali compiti vi tolgono tutte le energie?
  • Quali clienti vi tolgono energie?
  • Quali spese occupano la maggior parte del vostro flusso di cassa?
  • Quanti progetti riuscite ad eseguire in una volta sola? Avete più progetti in corso, ma nessuno è stato completato?
  • Chi vi aiuta con il brainstorming e nella risoluzione dei problemi?
  • Qual è la più grande e potenziale fonte di reddito e cosa si sta facendo per arrivarci?
  • Quali attività vi fanno perdere tempo?

Questa è una breve lista di check-up preliminare ma in realtà l’elenco dovrebbe essere molto più dettagliato in base al tipo di business eseguito. È comunque scoprendo le proprie debolezze che si potrà capire su quali punti è necessario lavorare per raggiungere più facilmente il successo.

=> Scopri come gestire il tempo al meglio