Eliminare lo spreco di tempo

di Chiara Basciano

scritto il

Cosa fa perdere tempo e la tecnologia che aiuta a diventare più produttivi

Cercare di ottimizzare il tempo rendendolo produttivo ma non frenetico è il sogno di qualunque manager. Ma quali sono le attività che incidono maggiormente in maniera negativa sul tempo?

=> Scopri come ottimizzare il tempo

A questo quesito risponde Barracuda Networks Inc. individuando le attività che potrebbero essere gestire in maniera migliore e le tecnologie che aiutano ad ottimizzare. I dati riguardano le società americane, ma potrebbero riferirsi a qualunque paese.

=> Leggi come risparmiare tempo

I meeting sono troppo spesso utilizzati, anche quando non sono necessari, sono infatti ritenuti utili a mantenere una connessione tra i lavoratori, invece sono in molti ad ammettere di distrarsi spesso e volentieri, con una ricaduta negativa anche in campo economico, considerato che mediamente un impiegato americano perde 5 ore alla settimana in riunioni, costando all’azienda $6.357 all’anno.

Non meno onerosa, ma altrettanto pesante la ricaduta negativa della perdita di tempo del lavoratore medio su internet – 2.32 ore alla settimana con un costo di $2.949,65 annui – per visitare siti che non interessano il lavoro e per la lettura di mail considerate inutili. Il disordine e la disorganizzazione poi sono ritenute poco professionali oltre a costare $177 mld all’anno, portando via a ciascun dipendente quasi 38 ore ogni 12 mesi.

=> Vai ai consigli per una giusta gestione del tempo

Infine le interruzioni spezzano il lavoro e fanno perdere concentrazione, basti considerare quanto questo pesi sulla vita lavorativa dei manager, interrotti in media ogni 8 minuti. I tre elementi utili a risparmiare tempo sono invece: la firma digitale, che fa risparmiare 2 ore al mese, l’automazione del sales/marketing, con un risparmio di 5 ore a settimana, e l’utilizzo di un CRM, che porta ad un aumento della produttività del 15%.