Lavorare bene: ognuno ha il suo tempo

di Teresa Barone

scritto il

Tecniche per impostare la giornata lavorativa in modo da essere sempre produttivi e concentrati.

Impegno, capacità produttiva e attenzione non sono costanti durante l’intero arco della giornata, che si caratterizza invece per alcuni picchi di elevata concentrazione e per momenti meno fruttuosi.

=> Lavoro e gestione del tempo

Capire qual è il tempo migliore per impegnarsi al massimo sul lavoro rappresenta un vantaggio sia per i dipendenti sia per i datori di lavoro, i quali dovrebbero incoraggiare le risorse a individuare una tabella di marcia più adatta alle loro esigenze.

Se è vero che la concentrazione rimane invariata per un massimo di 90 minuti consecutivi, è altrettanto comprovato che alcuni fattori influiscono negativamente nella gestione del tempo e nella qualità del risultato: non impostare le priorità ed essere coinvolti in troppe distrazioni, ma anche procrastinare continuamente e pretendere di svolgere attività in modalità “multitasking“.

Esistono invece diverse tecniche utili per capire il momento della giornata lavorativa in cui ci si sente maggiormente produttivi, pianificando impegni e mansioni di conseguenza:

  • impostare intervalli di 15 minuti per spezzare lo svolgimento di compiti impegnativi;
  • affidarsi alla “tecnica del pomodoro” suddividendo la giornata in segmenti di mezz’ora che includono 25 minuti di concentrazione seguiti da 5 minuti di riposo (una pausa di 20 minuti è prevista dopo 4 sessioni portate a termine);
  • stabilire finestre temporali di 90 minuti da dedicare ciascuna a una singola attività, alternate a pause di 20 minuti

Fonte immagine: Shutterstock

I Video di PMI

Guida alle ferie aziendali