Naspi 2018

di Francesca Vinciarelli

scritto il

Naspi 2018 ecco tutti i cambiamenti.

Il ruolo della Naspi oltre erogare denaro ai beneficiari è quello di ricollocare nel mondo del lavoro il disoccupato.

Occupazione e disoccupazione

La novità della Naspi del 2018 è infatti il patto di servizio da sottoscrivere al collocamento nel momento in cui ci si iscrive come disoccupati. Il disoccupato deve recarsi al Centro per l’Impiego per ottenere il modello C1, contestualmente l’Ufficio di Collocamento farà firmare al disoccupato la dichiarazione di disponibilità a partecipare a programmi per la rioccupazione, a corsi formativi ed a rispondere a eventuali proposte lavorative in base ad un programma personalizzato. Per richiedere il sussidio di disoccupazione si dovrà comprovare il proprio stato di disoccupazione e presentare domanda. Ovviamente tale domande per avere diritto al sussidio di disoccupazione è presentabile da tutti coloro che hanno perso il proprio lavoro involontariamente. Nella precisione ci sono delle categorie escluse da tale proceso nonché i dipendenti a tempo indeterminato delle pubbliche amministrazioni e gli operai agricoli a tempo determinato o indeterminato.

Fonte: Shutterstock