Enel GP: accordo per parco eolico negli USA

di Teresa Barone

scritto il

Accordo tra Enel Green Power ed Efs Prairie Rose per la costruzione di un impianto eolico nel Minnesota: investimenti per 305 milioni di dollari.

Enel Green Power realizzerà un parco eolico nel Minnesota investendo circa 305 milioni di dollari: è stato siglato, infatti, un accordo tra Enel Green Power North America – controllata statunitense  dell’azienda energetica – ed Efs Prairie Rose, controllata di Ge Capital, un protocollo di intesa che porterà alla creazione del complesso di Prairie Rose dotato di una capacità complessiva di 200 Mw.

I termini dell’accordo approvato da Enel GP prevedono una gestione in equity partnership e un contratto di acquisto a lungo termine relativo all’energia prodotta all’interno dell’impianto. Entrando più nel dettaglio delle cifre, è previsto un investimento di 156 milioni di dollari da parte di Efs Prairie Rose che entra a far parte del progetto con una quota pari al 51%, più una ulteriore quota del 49% detenuta invece da Enel GP, che quindi figura come project manager.

Da parte di Enel Green Power sarà anche possibile procedere con l’acquisizione di altre quote, fino a un tetto massimo del 26%, attraverso Efs Prairie Rose: un’opzione che l’azienda potrebbe decidere di esercitare entro il 2013. Il grandioso parco eolico è destinato a generare una quantità di energia in grado di evitare circa 650 mila tonnellate di emissioni CO2 ogni anno, un impianto che rappresenta una fonte energetica fondamentale per lo Stato del Minnesota, che in questo modo potrà arrivare a generare fino al 25% di energia attraverso fonti rinnovabili entro il 2015.

Determinante ai fini dell’intesa è stata anche la sottoscrizione di un secondo accordo tra le parti coinvolte e un consorzio gestito da Jp Morgan, un protocollo di capital contribution che prevede l’impegno da parte del consorzio a fornire un tax equity contribution pari a 190 milioni di dollari da investire all’interno dell’impianto eolico, somma che sarà erogata solo nel momento in cui il parco sarà operativo ed entrerà in esercizio, quindi verosimilmente nel quarto trimestre dell’anno in corso. Una partnership che consentirà ai membri di avere diritto di voto e beneficiare di agevolazioni fiscali e finanziarie.