Grecia, c?è l?accordo per gli aiuti

di Chiara Basciano

scritto il

Raggiunto nella notte l?accordo sugli aiuti alla Grecia, che secondo Draghi ?rafforza la fiducia nell?Europa e nella Grecia?.

Un accordo che permette di “rafforzare la fiducia nell’Europa e nella Grecia“, secondo le parole del presidente della Bce Mario Draghi. Questa la prima reazione all’accordo avvenuto nella notte tra i 17 paesi dell’Euro e il Fondo monetario internazionale a proposito della nuova tranche di aiuti alla Grecia, anche se il via libera formale è rinviato al 13 dicembre prossimo, quando la decisione sarà stata approvata dai parlamenti nazionali che lo prevedono.

Entro dicembre verranno comunque versati i primi 34,4 miliardi di euro e nel primo trimestre 2013, in altre tre tranche, ulteriori 9,3 miliardi, per un totale di 43,7 miliardi. Il debito pubblico di Atene, previsto al 190% l’anno prossimo e attualmente al 170%, dovrà scendere entro il 2020 al 124% del Pil, grazie a un pacchetto di misure concordate, e ancora nell’arco di due anni, quindi per il 2022, dovrà toccare quota 110% del Pil.

Obiettivi che per il direttore generale del Fmi Christine Lagarde rappresentano “una consistente riduzione del debito per la Grecia se si considera l’attuale andamento”. E soddisfazione per l’accordo è stata espressa anche dal presidente francese Francois Hollande, che ha definito l’intesa come “il risultato positivo di un cammino intrapreso dalla Francia da sei mesi”. Per Hollande, questo accordo “permette di ridare delle prospettive ai diversi partner del Paese, ma soprattutto di versare gli aiuti promessi al popolo greco dopo i sacrifici che gli sono stati chiesti”.