Fisco: più detrazioni per figli a carico

di Redazione PMI.it

scritto il

Per i lavoratori dipendenti, i pensionati e i liberi professionisti aumentano le detrazioni Irpef sui figli a carico: tutti i dettagli.

Aumentano le detrazioni per i figli a carico, o portatori di handicap, a favore dei lavoratori dipendenti e dei pensionati, ma anche dei liberi professionisti. Lo ha stabilito la Legge di Stabilità 2013 e solo ora l’Agenzia delle Entrate rende effettivo l’incremento con la circolare 12/E.

=> Scopri come funziona l’anagrafe dei conti correnti

Il testo diffuso dalle Entrate informa infatti che possono usufruire delle nuove detrazioni Irpef sia i dipendenti e i pensionati, a partire dal 1 gennaio 2013 relativamente allo stipendio o alla retribuzione pensionistica mensile, sia i lavoratori autonomi e gli esercenti imprese attraverso il modello Unico 2014, valido quindi per la dichiarazione dei redditi del 2013.

Secondo la nuova normativa, a partire dall’anno in corso si ha diritto a una detrazione dall’imposta lorda pari a 950 euro per ciascun figlio a carico (sono compresi sia i figli naturali riconosciuti, sia i figli adottivi e gli affidati o affiliati), importo che può arrivare fino a 1.220 euro per ciascun figlio di età inferiore a tre anni. Le detrazioni sono inoltre aumentate di 400 euro per ogni figlio portatore di handicap.

=> Leggi i consigli per non farsi cogliere impreparati dal redditometro

Per i contribuenti con più di tre figli a carico la detrazione subisce un ulteriore incremento di 200 euro per ciascun figlio fin dal primo anno di vita. Si tratta di benefici concessi ai lavoratori e ai pensionati sulla base del reddito percepito, per cui diminuiscono fino ad azzerarsi nel caso di redditi considerati elevati.