Redditometro: inviate le prime lettere del Fisco

di Teresa Barone

scritto il

Come non farsi spaventare dal Redditometro, entrato in azione con l?invio delle prime segnalazioni da parte del Fisco.

Il Redditometro entra in azione e numerosi contribuenti riceveranno a breve le prime lettere inviate dall’Agenzia delle Entrate. Destinatari delle segnalazioni sono tuttavia solo coloro che hanno mostrato evidenti irregolarità tra il reddito dichiarato e le spese realmente effettuate, superando la soglia del 20% ammessa dalla normativa.

L’iter del Redditometro prevede l’invio di lettere/questionari ai contribuenti ritenuti a rischio evasione per consentire loro di giustificare le incongruenze rilevate, e solo in caso di risposte insoddisfacenti si procederà con la convocazione diretta. 

Solo lo 0,1% della popolazione sarà sottoposto alle verifiche previste dal software, per un totale di 35 mila controlli all’anno, tuttavia è in materia di Redditometro e controlli fiscali sembrano essersi diffuse una serie di teorie poco veritiere.

Se è vero che la prima fase del controllo viene effettuata in modo automatizzato prendendo in considerazione un campione della popolazione, è altrettanto vero che questo strumento di controllo anti evasione non è finalizzato alla riduzione dei consumi.

=> Leggi i consigli per gestire il controllo sui conti correnti

Errata è anche la teoria che sia necessario conservare la documentazione di ogni singola spesa, archiviando tutti gli scontrini fiscali anche se non nominativi. È importante, invece, giustificare le spese rilevanti così come le spese mediche e sanitarie utilizzate per ottenere le detrazioni annuali.

I Video di PMI

Come scegliere il contenuto giusto sui social