Infortuni in trasferta sempre indennizzabili

di Teresa Barone

scritto il

Come gestire gli indennizzi per gli infortuni accaduti in trasferta o all?interno di una stanza d?albergo? Ecco cosa dice l?Inail.

L’Inail si è recentemente espresso in materia di indennizzi richiesti dai lavorator nel caso di infortuni avvenuti nel corso di una trasferta lavorativa, precisando la normativa vigente attraverso una circolare diffusa lo scorso 23 ottobre.

=> Scopri come funziona il Travel Stress Index

L’istituto ha infatti voluto dissipare ogni dubbio specificando quali sono i criteri per classificare e risarcire un infortunio avvenuto durante una missione imposta dall’azienda: «Per il lavoratore in missione e/o trasferta, il tragitto dal luogo in cui si trova la propria abitazione a quello in cui, durante la missione, egli deve espletare la prestazione lavorativa, non è frutto di una sua libera scelta, ma è imposto dal datore di lavoro.»

Se la trasferta è imposta al lavoratore, tutto ciò che accade durante la missione avviene in “attualità di lavoro”: anche gli infortuni in itinere (ad esempio accaduti durante gli spostamenti effettuati per recarsi dall’albergo al luogo in cui si deve svolgere la prestazione lavorativa, e viceversa) sono quindi equiparabili agli infortuni in attualità di lavoro.

=> Leggi la classifica dei paesi che più spendono nel business travel

Per quanto riguarda gli “incidenti” accaduti all’interno di una camera d’albero, l’Inail precisa che: «Non sono parificabili a quelli avvenuti nella privata abitazione, in primo luogo poiché il soggiorno in albergo è evidentemente necessitato dalla missione e/o trasferta – e perciò è necessariamente connesso con l’attività lavorativa – e in secondo luogo poiché il lavoratore, con riguardo al luogo in cui deve temporaneamente dimorare, non ha quello stesso controllo delle condizioni di rischio che ha, al contrario, nella propria abitazione.»

I Video di PMI

Google Analytics: attenzione alla Frequenza di Rimbalzo!