Tutelare il riposo dei dipendenti: il modello francese

di Teresa Barone

scritto il

La Francia non vieta l?invio di email di lavoro dopo le 18 (come erroneamente annunciato in Rete) ma garantisce ai dipendenti un adeguato riposo.

Non esiste alcuna normativa che vieta ai datori di lavoro francesi di inviare email ai dipendenti dopo le 18. La notizia, prima diffusa in Rete poi smentita, scaturisce tuttavia da un reale accordo siglato a favore di una “fetta” di lavoratori molto ristretta, intesa che rappresenta un intervento di tutela nei confronti della salute e della produttività di questi ultimi.

=> Scopri come riprendere il controllo delle proprie email

Grazie all’intesa sottoscritta tra l’azienda le due sigle sindacali CFDT e CGC e le associazioni di categoria, infatti, i lavoratori che non hanno l’obbligo di rispettare le “35 ore” settimanali previste dalla legislazione nazionale e il cui contratto si basa sulle effettive ore di lavoro prodotte, possono essere operativi fino a 13 ore giornaliere purché  fra un giorno di lavoro e l’altro trascorrano 11 ore dedicate al “riposo”.

=> Scopri come tablet e smartphone fanno lavorare anche in ferie

Nessun riferimento esplicito al divieto di contattare via email i dipendenti dopo le 18, quindi, ma solo una misura volta a tutelare la salute dei lavoratori che occupano prevalentemente posizioni manageriali e che, non essendo vincolati a orari di lavoro prestabiliti, rischiano di non staccare mai la spina e cadere vittime di ritmi di lavoro troppo serrati.

I Video di PMI