Mobbing assimilabile al maltrattamento in famiglia?

di Teresa Barone

scritto il

Mobbing e maltrattamento in famiglia non sono sempre assimilabili: la sentenza 18832/14 fa chiarezza.

Una recente sentenza emessa dalla Corte di Cassazione chiarisce in quali casi gli episodi di mobbing sul lavoro possono essere assimilati ai reati di maltrattamenti in famiglia.

=> Scopri cosa si intende per Straining, il mobbing saltuario

Non sempre, infatti, un comportamento vessatorio compiuto ai danni di un lavoratore può essere trattato e punito come se fosse un caso di maltrattamento avvenuto all’interno del nucleo familiare: secondo quanto affermato con la sentenza 18832/14, è possibile fare riferimento a questo reato solo se il rapporto tra il datore di lavoro e il dipendente assume una natura para-familiare.

La sentenza è stata emessa relativamente al caso di una datore di lavoro accusato di “maltrattamento contro familiari” da parte di una dipendente, un legame che non è stato riconosciuto dalla Suprema Corte. Una decisione motivata dal fatto che la lavoratrice non operava a stretto contatto con il capo, essendo dislocata in una sede secondaria dell’azienda.

=> Leggi perché il dirigente stressato non può essere risarcito

Secondo la Cassazione, infatti, il rapporto tra capo e dipendente assume una natura para-familiare solo se caratterizzato da relazioni abituali e frequenti, dalla condivisione di consuetudini di vita e da  «una situazione di soggezione di una parte nei confronti dell’altra.»

I Video di PMI

Partite IVA dipendenti