Demansionamento: come quantificare il danno?

di Teresa Barone

scritto il

In caso di demansionamento l?indennità può essere quantificata in base al tempo in cui il ?bagaglio professionale? è stato realmente compromesso.

Come deve essere quantificato il risarcimento del danno a favore di un dipendente che ha subito demansionamento? Secondo la Corte di Cassazione il valore dell’indennità deve corrispondere al calcolo dei giorni effettivamente “persi” dal punto di vista della professionalità.

=> Scopri cosa si intende per Straining, il mobbing saltuario

In altre parole, secondo quanto afferma la sentenza 18965/2014 , il risarcimento deve essere commisurato alle giornate durante le quali il “bagaglio professionale” è stato compromesso.

Protagonista della sentenza è un quadro aziendale al quale sono state affidate mansioni di poca rilevanza e tali da escludere anche la «Posizione di preposto che, sebbene non siano le uniche affidate ai quadri, sono certo quelle maggiormente qualificanti, rappresentative e gratificanti». Impegni che tenevano il dipendente occupato solo «poco tempo nell’ambito della giornata lavorativa».

=> Leggi perché il dirigente stressato non può essere risarcito

In casi come questi, una possibile indennità per la dequalificazione corrisponde alla metà dei compensi maturati per le giornate di effettiva attività.

I Video di PMI

Aliquote IRPEF e scaglioni di reddito