Dirigenti PA licenziabili: primo si alla Riforma

di Redazione PMI.it

scritto il

Approvate le nuove regole per i dirigenti pubblici: novità su licenziamento, decadenza, durata degli incarichi e accesso al ruolo.

Arriva il primo si alla Riforma della Pubblica Amministrazione varata dal Ministro Marianna Madia: dopo l’approvazione della Commissione Affari Costituzionali, il disegno di legge attende la conferma da Palazzo Madama.

=> Riforma PA in arrivo: cosa cambia per i dirigenti

Intanto, a diventare ufficiali sono le nuove regole imposte ai vertici della PA, relative alla licenziabilità dei dirigenti statali e alle novità per l’accesso a questi incarichi, che non saranno regolati da alcun automatismo (il percorso di  carriera dipenderà dal merito).

Passando in rassegna la normativa, i dirigenti non saranno più suddivisi in fasce e il loro incarico durerà tre anni, con un’unica possibilità di rinnovo. Dopodiché sarà necessario rifare una selezione.

Per quanto riguarda l’accesso alla dirigenza a tempo indeterminato, sarà obbligatorio superare il concorso e un esame aggiuntivo.

=> Decaduti 800 dirigenti Agenzia delle Entrate

E ancora: se i dirigenti resteranno privi di incarico potranno essere reimpiegati ma solo per un determinato periodo di tempo, superato il quale saranno fatti decadere dal loro ruolo unico.