Fisco: ok ai controlli sui conti cointestati

di Redazione PMI.it

scritto il

Si ai controlli sui conti correnti contestati da parte dell?Agenzia delle Entrate: sentenza.

L’Agenzia delle Entrate può effettuare indagini anche sui conti correnti cointestati del contribuente che viene sottoposto a verifiche, al fine di accertare incongruenze emerse attraverso le indagini finanziarie ed evitare tentativi di evasione fiscale.

=> Fisco: le novità del 2015

Lo afferma la Corte di Cassazione con la sentenza 9362 dell’8 maggio 2015: l’Agenzia delle Entrate può procedere con gli accertamenti anche in merito ai conti correnti bancari intestati a terzi ma, presumibilmente, collegati al reddito del contribuente (ad esempio conti intestati al coniuge, a un genitore o a un parente).

Il Fisco è quindi legittimato ad avviare accertamenti sui redditi imponibili senza necessariamente disporre di prove. Il contribuente, invece, deve dimostrare o che gli importi oggetto di verifiche siano stati conteggiati nella dichiarazione dei redditi, o che non siano soggetti a tasse.

La sentenza precisa che la normativa relativa alle indagini fiscali non cita:

«alcuna limitazione dell’attività d’indagine, volta all’accertamento della evasione fiscale, ai soli conti correnti bancari e postali ed ai libretti al deposito intestati esclusivamente al soggetto contribuente, in quanto… una tale limitazione verrebbe illogicamente ad escludere lo scopo della stessa previsione normativa».

=> Nuovo modello 730 precompilato al via

 

I Video di PMI