Dirigenti scolastici contro la riforma?

di Redazione PMI.it

scritto il

Il parere dei dirigenti scolastici della FLC CGIL sul nuovo ruolo assegnato ai presidi dalla riforma della scuola.

La riforma della scuola cambierà notevolmente il ruolo dei dirigenti scolastici, attribuendo a questa categoria più autonomia e affidando nuovi poteri. Un insieme di regole che non soddisfano pienamente gli stessi presidi riuniti nella FLC CGIL.

=> Come cambia il ruolo dei dirigenti scolastici 

Dalla riunione tenutasi a Roma lo scorso 20 maggio, infatti, è emersa una analisi approfondita della riforma e una netta presa di posizione da parte dei dirigenti, che non sembrano condividere lo “stravolgimento del profilo” del preside soprattutto in relazione agli articoli 8, 9, 11 e 13, che addossano a queste figure compiti e responsabilità definite non sostenibili.

«Attribuire al dirigente oltre ai compiti di verifica e controllo del diligente adempimento degli obblighi contrattuali dei docenti, anche quello di valutare, da solo, la loro capacità didattica è sbagliato. Ancora più sbagliato è collegare un “premio” a quella valutazione e  attribuire al dirigente il potere di distribuire salario accessorio al di fuori di procedure negoziali e in violazione di principi che valgono per tutto il pubblico impiego e che sono rispettati anche nel lavoro privato.»

=> Concorso Dirigenti scolastici 

I dirigenti scolastici della FLC CGIL chiedono, invece, che alcune parti della legge siano modificate per:

«ricondurre la valutazione dei docenti  ad ambiti e soggetti in possesso della competenza e della condizione di terzietà necessarie e di costruire  gli strumenti necessari per realizzarla, dotando il sistema di valutazione nazionale delle risorse professionali e finanziarie che servono e rendendo il dirigente scolastico protagonista di un processo esplicito e trasparente che coinvolge l’intera comunità scolastica.»