Conto corrente: dati al Fisco entro marzo

di Teresa Barone

scritto il

Si avvicina la scadenza per l?invio delle informazioni finanziarie dei contribuenti al Fisco.

Entro il 31 marzo 2016 gli intermediari finanziari, vale a dire banche, Poste, società finanziarie o di gestione del risparmio, sono tenute a trasmettere all’anagrafe tributaria i movimenti bancari dei contribuenti relativi al 2015.

=> Fisco: controllo su giacenza conti correnti

Un sistema mirato a contrastare l’evasione fiscale che tocca da vicino tutti gli italiani, i cui dati relativi ai saldi e all’estratto conto, con indicazioni sulle giacenze medie e relativo codice fiscale e Iban, potranno essere inviati all’Agenzia delle Entrate.

Si parla, in particolare, delle informazioni sui conti correnti e conti deposito, delle movimentazioni delle carte di credito e di debito, dei fondi comuni di investimento, dei dati inerenti il deposito e buoni fruttiferi e le cassette di sicurezza, della compravendita di oro e metalli preziosi e delle operazioni extra-conto come assegni, bonifici, cambio valuta.

=> Controlli sui conti correnti cointestati

I dati trasmessi, che saranno cancellati al termine del sesto anno che segue quello di riferimento della comunicazione, sono tutelati attraverso l’infrastruttura Sid creata appositamente per garantire la Privacy e la sicurezza.