Più capi che dipendenti nelle partecipate

di Teresa Barone

scritto il

Il numero degli amministratori supera quello dei dipendenti in molte partecipate statali: i dati del Def.

In molte delle aziende partecipate statali sono attivi più amministratori che lavoratori dipendenti: lo sottolinea il Def (Documento di Economia e Finanza) approvato recentemente dal Consiglio dei Ministri, dove si legge che questo “ribaltamento” è la consuetudine in un numero di società che varia tra le 500 e le 800.

=> Riforma PA e responsabilità dei dirigenti

Una situazione che, tuttavia, non dovrebbe durare a lungo con l’entrata in vigore della Riforma della PA voluta dal Ministro Madia, normativa che prevede, tra le altre cose, anche un netto sfoltimento delle aziende partecipate non conformi, come quelle che si caratterizzano appunto per un numero di dipendenti inferiore a quello dei consiglieri di amministrazione.

Le partecipate potrebbero ridursi a quota mille entro la fine dell’anno, attraverso l’abolizione delle società che non sono in grado di rispettare alcuni requisiti fondamentali stabiliti dal Governo, non garantendo un’offerta pubblica efficace.

=> Declassamento volontario per i dirigenti statali

La Riforma, inoltre, prevede tagli al numero dei componenti dei CdA  come anche l’imposizione di precisi limiti alle retribuzioni, al fine di tagliare la spesa pubblica ottenendo un risparmio pari a 7,1 miliardi nel 2016, destinato a crescere fino a 8,2 miliardi nel 2017 e a 10 miliardi nel 2018.