Manager PA, vigilare e segnalare

di Teresa Barone

scritto il

Il nuovo ruolo dei manager statali chiamati a controllare i dipendenti e segnalare condotte illecite, pena il licenziamento.

Con la Riforma del pubblico impiego voluta dal Ministro della Funzione Pubblica Marianna Madia sono previsti più oneri e responsabilità per i dirigenti statali, tenuti a vigilare sul personale intercettando eventuali comportamenti illeciti e, soprattutto, a denunciare senza passare sopra tali condotte.

=> Dirigenti PA: nuova stretta in arrivo

Le ultime anticipazioni sulla Riforma, infatti, contengono disposizioni in tema di licenziamento dei dipendenti pubblici e non sono previsti “sconti” per i responsabili che omettono di far emergere situazioni disoneste.

A esprimere un parere sull’argomento è anche il Presidente della Cida, Giorgio Ambrogioni, interpellato da LabItalia:

«Zone franche in cui il posto di lavoro è garantito non ce ne possono essere. E il dirigente che si volta dall’altra parte per noi non è un dirigente. Noi difendiamo i dirigenti veri, non quelli diventati tali per appartenenza partitica o politica.»

Per quanto concerne l’aumento delle responsabilità, inoltre, Ambrogioni sottolinea la necessità di dotare i dirigenti statali di risorse e strumenti mirati per esercitare i controlli richiesti, ottenendo una efficace gestione delle risorse umane.

=> Declassamento volontario per i dirigenti statali

«Purtroppo, ora questi strumenti non sempre sono a disposizione del dirigente che spesso si trova tra l’incudine della politica e il martello dei sindacati confederali, che a volte difendono l’indifendibile. Occorre una rivisitazione del manager pubblico puntando su selezione, formazione e remunerazione meritocratica.»

Fonte immagine: Shutterstock