Caldo torrido? Non si lavora

di Teresa Barone

scritto il

Giorno libero per i dipendenti i se l?ambiente di lavoro è troppo caldo: proposta di legge nel Regno Unito.

C’è chi lavora all’interno di uffici dotati di condizionatori e chi, invece, trascorre otto o più ore al giorno a contatto con le alte temperature estive, rischiando disagi e malesseri quando arrivano le inevitabili ondate di calore.

=> Scopri come combattere lo stress da lavoro

A questa seconda categoria si rivolge la proposta di legge avanzata, nel Regno Unito, dalla laburista Linda Riordan, basata sull’introduzione di nuovi obblighi per i datori di lavoro: mandare a casa i dipendenti nelle giornate in cui le temperature superano il 30 gradi (37 gradi nel caso di professioni usuranti).

Una temperatura massima legale, quindi, che eviterebbe problemi di salute ai lavoratori, tutelando il loro benessere personale (nel Regno Unito esiste una normativa che precisa la temperatura minima consentita, pari a un intervallo compreso tra i 13 e i 16 gradi).

=> Scopri gli svantaggi del lavoro sedentario

Tra i possibili disturbi legati al caldo, infatti, compaiono un aumento dello stress, mal di testa, problemi cardiaci e respiratori, disidratazione.

I Video di PMI

Legge 104: agevolazioni per disabili e familiari