Tratto dallo speciale:

Smart Working Designer per aziende resilienti

di Redazione PMI.it

scritto il

Chi è questa nuova figura professionale e cosa può fare per le aziende? Scopriamo come diventare uno Smart Working Designer.

La realtà attuale ha indirizzato le aziende verso nuovi metodi di lavoro ed in particolare verso nuovi luoghi e orari: ci siamo infatti ormai abituati a fare regolarmente da remoto attività che prima venivano svolte esclusivamente in ufficio, e le aziende si sono  rese conto che questo tipo di flessibilità è diventata fondamentale nella dimensione lavorativa emersa dopo la pandemia. Ma una cosa che dobbiamo sapere è che questo fenomeno è destinato a crescere: in base ai dati del report 2020 dell’Osservatorio Smart Working del Politecnico di Milano, il 51% delle imprese cambierà gli spazi fisici al termine dell’emergenza Covid-19 ed il 36 % delle grandi imprese che hanno già adottato progetti di smart working li modificherà.

Tutto questo comporterà per le aziende un bisogno di nuove competenze e, quindi, di nuove figure professionali in grado di ripensare i processi aziendali e l’organizzazione in chiave, appunto, ‘smart’ (gli Smart Working Designer): professionalità in grado di gestire i progetti che si prospetteranno in questo ambito e di aiutare le aziende ad affrontare il periodo di cambiamento. A ulteriore conferma, secondo il report emerso dal Gartner 2021 HR Priorities Survey, l’Organizational design and change management sarà tra le principali priorità per l’anno 2021 nell’ambito HR.

Gli Smart Working Designer, figure chiave per le realtà imprenditoriali che vogliono diventare le aziende leader del domani, dovranno quindi essere in grado di:

  • anticipare le esigenze delle persone e delle aziende
  • lavorare come un project manager, approntando un piano d’azione 
  • utilizzare le tecniche del design thinking per ottimizzare la collaborazione tra i team di lavoro e per organizzare le realtà aziendali più diverse 
  • facilitare il confronto e lo scambio di idee, avvicinando e mettendo in contatto diverse professionalità e contesti 

Perchè le aziende hanno bisogno di smart working designer?

Durante i momenti di cambiamento c’è solo una cosa che le aziende (come gli esseri umani in generale) possono fare: adattarsi. L’adattamento non è una tra le opzioni possibili verso cui un’azienda può andare, bensì l’unico modo per sopravvivere all’evoluzione. Ma questo ovviamente non vuol dire che tutte le realtà si adattino sempre al cambiamento: la storia infatti è piena di esempi di aziende che per non essersi adattate all’evoluzione ed all’innovazione (o per non averlo fatto in tempo) sono rimaste schiacciate dall’avvento della novità. Come affermò Robert Noyce, infatti, “L’innovazione è tutto. Quando si è in prima linea si riesce a vedere quale sarà la prossima innovazione necessaria. Quando si è dietro, si devono spendere le energie per recuperare terreno”. Chi non si adatta per tempo, quindi, farà semplicemente più fatica per adattarsi quando sarà magari ormai troppo tardi.

=> Quando lo Smart Working è solo il punto di partenza

L’adattamento, dunque, non è una possibilità ma un’esigenza e l’unica vera opzione a disposizione delle aziende è quella di scegliere se guidare il cambiamento o se essere trasportate da altre realtà imprenditoriali, che diventeranno così leader dell’evoluzione in corso. Per poter guidare il cambiamento, le aziende hanno bisogno di figure che comprendano e condividano questa esigenza di evoluzione e che siano in grado quindi di condurre le imprese verso l’innovazione in ambito organizzativo. Professionalità, dunque, che desiderino essere anch’esse leader di questo momento di evoluzione e non follower.

Se anche tu senti l’esigenza di guidare questo momento di cambiamento o di approcciarti come leader al nuovo mercato del lavoro risultato dalla pandemia, esiste un modo per dare forma alle tue idee innovative in ambito organizzativo e lavorativo e certificare le tue competenze: diventare Smart Working Designer.

Come si diventa Smart Working Designer

Chi scrive questo articolo ha deciso proprio di intraprendere questo percorso partecipando alla prima edizione del workshop Driving the Change. Il workshop è organizzato da NuMoLa in collaborazione con Seedble ed Evermind e permette il rilascio della certificazione di Smart Working Designer: la possibilità di accrescere e – ancor più – di certificare le proprie competenze, infatti, diventa un passaggio chiave in un momento di cambiamento, in quanto permette di contrassegnare (e distinguere) competenze professionali di qualità all’interno di un ambito nuovo ed in espansione – come appunto quello dello smart working. 

Il workshop è dedicato all’apprendimento delle tecniche per implementare un percorso di Smart Working, con l’obiettivo di formare e certificare i professionisti che operano (e opereranno) in questo ambito. Gli esperti mostrano infatti cosa vuol dire veramente realizzare un progetto di smart working e quali sono gli strumenti per implementarlo, permettendo così di imparare, ad esempio, l’utilizzo del design thinking e dei canvas (messi a disposizione dai tutor) per approcciarsi a questo tipo di progetti. Ad ogni partecipante viene anche chiesto di lavorare individualmente su un project work assegnato, con l’aiuto degli strumenti per la collaborazione da remoto messi a disposizione (Slack e Miro), e di collaborare poi insieme agli altri aspiranti Smart Working Designer per trovare una soluzione comune – perché innovazione significa apertura al dibattito ed al confronto continuo anche con realtà e professionalità diverse o lontane dalla nostra.

Durante il percorso di apprendimento è fondamentale avere figure esperte, in grado non solo di trasmettere competenze ma anche di facilitare il processo di realizzazione del progetto e, poi, di confronto; gli esperti operano come veri e propri mentor accompagnando i partecipanti non solo lungo tutto il percorso ma anche al termine dello stesso, in un momento successivo di tutoraggio.

Chi è interessato ad apprendere competenze in ambito Smart Working e crescere da un punto di vista professionale e di network, può intraprendere questo percorso: per saperne di più, si parte dal workshop Driving the Change (nel link alle le prossime edizioni per conseguire la certificazione di Smart Working Designer). Ai lettori di PMI.it un codice sconto del 10% per il biglietto ( codice sconto è: pmi10).